Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Taiwan, Cina schiera altre navi e fa decollare altri jet, ma Taipei riapre al traffico internazionale

Lunedì 8 Agosto 2022
Taiwan, Cina schiera altre navi e fa decollare altri jet, ma Taipei riapre al traffico internazionale

La Cina continua a mostrare i muscoli in mare e in cielo, Taiwan fa quello che può per ribadire di di essere pronta a difendere i propri confini, il mondo resta in attesa di capire gli sviluppi del braccio di ferro fra Pechino e gli Stati Uniti

 

La Cina «conduce normali esercitazioni militari» intorno a Taiwan, che è «territorio cinese», e ha il diritto di operare nelle acque che «circondano il suo territorio». Lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin sulle nuove manovre annunciate oggi dal Comando del teatro orientale della Pla. «Sono aperte, trasparenti e professionali. I dipartimenti competenti hanno anche emesso un annuncio tempestivo, in linea con il diritto interno, il diritto e la pratica internazionali: sono non solo un monito per i provocatori, ma anche una mossa legittima a tutela di sovranità nazionale e integrità territoriale».

Il traffico aereo civile

Il traffico aereo intorno a Taiwan sta tornando alla normalità dopo la riapertura dello spazio aereo che circonda l'isola: lo ha comunicato il ministero dei Trasporti, malgrado la Cina abbia annunciato oggi nuove esercitazioni militari nell'area. Dal 4 al 7 agosto, l'Esercito popolare di liberazione (Pla) ha tenuto le sue più grandi manovre mai organizzate avendo nel mirino Taiwan, dispiegando decine di aerei e lanciando missili balistici - che per la prima volta hanno anche sorvolato l'isola, in risposta alla visita della speaker della Camera americana Nancy Pelosi a Taipei. L'ultima zona di interdizione, la settima, è decaduta alle 10 (le 4 in Italia) senza che la Pla abbia fatto alcuna richiesta di proroga. Il Comando del teatro orientale della Pla ha annunciato nuove esercitazioni nei mari e nello spazio aereo intorno a Taiwan, ma non ha fornito posizioni specifiche di allerta. Il numero dei voli, circa 150 normalmente, sta gradualmente tornando alla normalità.

Loading...

Ultimo aggiornamento: 14:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA