Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, l'ambasciatore Feroci: «Giusto dare armi pesanti, lo zar capirà quando è ora di fermarsi»

Ferdinando Nelli Feroci: "L'assistenza militare a Kiev favorisce in ogni caso il negoziato, non è un ostacolo!

Lunedì 4 Aprile 2022 di Marco Ventura
Ucraina, l'ambasciatore Feroci: «Giusto dare armi pesanti, lo zar capirà quando è ora di fermarsi»

Prima i droni e i lancia-missili a spalla, ora i carri armati di fabbricazione sovietica dell'Europa dell'Est, sostituiti da quelli in arrivo dagli Stati Uniti. Un flusso di aiuti militari sempre più consistenti, che l'ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci, presidente dell'Istituto Affari Internazionali (Iai) ed ex Commissario UE, considera giustificato. «È politicamente ed eticamente necessario appoggiare la resistenza ucraina. Semmai, quando si entra in una logica di questo tipo il problema è stabilire dove ci si debba fermare. L'assistenza militare a Kiev favorisce in ogni caso il negoziato, perché senza dubbio a un certo punto Putin dovrà fare i suoi calcoli e chiedersi: quanto mi conviene insistere nell'attacco? La Nato ha fissato le sue linee rosse, in particolare quella di non farsi coinvolgere in un conflitto diretto con i russi. Putin dovrà fare lo stesso». Il trasferimento di carri armati agli Ucraini «lo aiuterà a svolgere questo ragionamento».

Ucraina diretta, Odessa colpita da un missile, a Bucha recuperati 140 corpi. Zelensky: «Ogni madre di soldato russo veda i cadaveri»


È possibile un'escalation se si passa da aiuti per la difesa a mezzi offensivi come i tank?
«I Paesi Nato stanno fornendo armi alla resistenza dall'inizio, il rischio può aumentare ma credo che neanche Putin abbia interesse a un'escalation, a portare la guerra oltre i confini dell'Ucraina. La fornitura di armi più pesanti, offensive, ha una sua logica nel senso di continuare ad aiutare gli ucraini a resistere all'aggressione in modo brillante come già stanno facendo. L'obiettivo resta quello di creare le condizioni perché inizi un vero negoziato di pace».


Quali condizioni?
«La prima, preliminare e necessaria, è che si arrivi a un accordo, sia pure temporaneo, di cessate il fuoco. Putin però sembra non accettarlo».


Il Cremlino ribadisce che un incontro al vertice tra Putin e Zelensky potrà esserci solo avendo già un accordo scritto specifico. Come andrà?
«Al momento non ci sono le condizioni per un vertice di persona fra i due capi di Stato, prima dev'esserci non dico un accordo già concluso fra le rispettive delegazioni, ma almeno una prospettiva concreta di intesa».

 


Per gli Stati Uniti la fine della guerra è ancora lontana. Concorda?
«Sì, temo anch'io. Le posizioni di partenza di aggressore e aggredito sono tuttora molto distanti anche sul principio della neutralità dell'Ucraina, mancano molti e fondamentali dettagli perché si possa parlare di una convergenza. E non c'è intesa neppure sull'integrità territoriale».


La scoperta degli orrori di Bucha e delle altre città cambierà qualcosa?
«Purtroppo no, siamo abituati alle atrocità di un conflitto che ha preso subito di mira la popolazione e le ultime notizie, per quanto vadano sottoposte a verifica, sembrano confermare una ferocia nell'offensiva russa che non risparmia gli obiettivi civili».


È ipotizzabile, in risposta agli orrori, una no fly zone imposta dalla Nato?
«No, significherebbe intervenire direttamente, questa è una linea rossa insuperabile per la Nato».

Ultimo aggiornamento: 18:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA