Ucraina, i bambini malati di cancro nello scantinato dell'ospedale di Kiev. L'allarme dei medici: «Senza cure adeguate moriranno»

Arrivano anche immagini di un orfanotrofio: bimbi malati e nascosti nel seminterrato

Ucraina, i bambini malati di cancro rannicchiati nello scantinato dell'ospedale di Kiev. L'allarme dei medici: «Hanno interrotto le cure»
Ucraina, i bambini malati di cancro rannicchiati nello scantinato dell'ospedale di Kiev. L'allarme dei medici: «Hanno interrotto le cure»
Martedì 1 Marzo 2022, 18:38 - Ultimo agg. 22:11
4 Minuti di Lettura

Ci sono anche due gemellini appena nati negli scantinati dell'ospedale pediatrico Ohmadyt di Kiev. Il ventre del nosocomio protegge decine e decine di bambini, anche malati di cancro, che cercano rifugio dalle bombe che piovono sull'Ucraina. Questi bambini «moriranno» se la guerra con la Russia continuerà a interrompere le loro cure.

È l'allarme lanciato dai medici dell'ospedale pediatrico Ohmadyt di Kiev rimbalzato sui social e diversi media internazionali. I piccoli malati di cancro sono stati improvvisamente trasferiti nel seminterrato dell'ospedale per proteggerli dai bombardamenti russi. Ma il trasferimento ha interrotto le cure per molti di loro e la mancanza di rifornimenti ha consentito solo la somministrazione di un piccolo dosaggio per la chemioterapia. Medici e infermieri ora temono che a causa della mancanza di cure alcuni di loro non sopravviveranno.

«Questi bambini soffrono di più perché devono combattere il cancro», ha spiegato la dottoressa Lesia Lysytsia. «Se le cure vengono interrotte ulteriormente dalla guerra, i nostri pazienti moriranno». «Calcoleremo quante persone o soldati sono morti negli attacchi, ma non calcoleremo mai a quanti pazienti non è stata diagnosticata una malattia in tempo o quanti pazienti sono morti perché non hanno ricevuto cure», ha proseguito. Al momento, quindi, i medici sono impegnati per cercare di trasferire i piccoli pazienti al centro medico pediatrico specializzato di Leopoli. «Insieme ai loro genitori mi chiedono se il trasferimento è sicuro e io rispondo: "Non lo so. Non so nemmeno se è sicuro uscire". Un attacco è possibile in ogni momento», ha detto ancora la dottoressa Lysytsia. L'allarme dei medici giunge dopo che la Guardia Nazionale dell'Ucraina ha condiviso sui social un'immagine che mostra decine di bambini rannicchiati in un rifugio sotterraneo. «La foto che tutto il mondo dovrebbe vedere», ha twittato.

«Questo è un rifugio in un orfanotrofio specializzato nella città di Kropyvnytskyi in Ucraina. Tutti i bambini sono orfani. Molti sono malati».

Le scene catturate dai fotografi che sono sul posto raccontano di vite fragili, precarie, esposte alla guerra e alla malattia. I bimbi sono sdraiati su letti di fortuna o coperte disposte su entrambi i lati del corridoio di cemento. I bambini più grandi che sono troppo malati per tornare a casa o fuggire dalla capitale con le loro famiglie dopo l'invasione russa vicono così: sotto terra, lontani dalle finestre e sdraiati nei corridoi con le flebo. 

«Questi sono pazienti che non possono ricevere cure mediche a casa, non possono sopravvivere senza medicine, senza cure mediche e operatori medici», ha detto lunedì ai giornalisti il capo chirurgo Volodymyr Zhovnir. Il più grande ospedale del suo genere nel paese, Ohmadyt normalmente ha fino a 600 pazienti, ma quel numero è ora di circa 200, ha detto durante una visita dei media, organizzata dal governo, alla clinica sitiuata nel centro di Kiev. In un reparto chirurgico, chirurghi e infermieri hanno operato un ragazzo di 13 anni portato da un'ambulanza dopo essere stato ferito negli scontri armati. Finora quattro bambini sono stati curati per ferite da schegge e proiettili - vittime dei bombardamenti a Kiev e dintorni e delle schermaglie tra le forze russe e ucraine. Uno rimane in gravi condizioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA