Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, droni kamikaze per combattere i russi: così Kiev passa al contrattacco

Dopo la città russa di Rostov, Kiev ora punta a prendere di mira altre strutture petrolifere, depositi di rifornimenti, installazioni militari, basi strategiche

Venerdì 1 Luglio 2022 di Michela Allegri
Ucraina, droni kamikaze per combattere i russi: così Kiev passa al contrattacco

Da febbraio, in Ucraina si combatte una guerra parallela a quella degli eserciti di terra e dell’aviazione: è la guerra dei droni “kamikaze” esplosivi, con Kiev che ha iniziato a lasciare da parte dispositivi sempre più sofisticati per combattere Mosca, e ha deciso di puntare su congegni più rudimentali, ma efficacissimi: in grado di individuare un obiettivo a distanza e colpire con precisione, evitando i radar nemici. Ora l’Ucraina è passata al contrattacco, prendendo di mira con i droni la città russa di Rostov. E potrebbe aprirsi un nuovo capitolo dello scontro.

Svezia e Finlandia nella Nato, ecco i jet da combattimento che saranno determinanti per la flotta dell'Alleanza

Ucraina, guerra in diretta: missili a Odessa, 19 morti. Lavrov: «Nato è sempre alla ricerca di un nemico»

Il contrattacco

La scorsa settimana, infatti, è stata colpita una delle più grandi raffinerie petrolifere della Russia meridionale: l’impianto di Novoshakhtinsk, nella regione di Rostov, vicino al confine ucraino. L’attacco è stato sferrato tramite un piccolo drone che trasportava una testata esplosiva: ha attraversato la linea del fronte e si è schiantato contro la raffineria, provocando un grande incendio. Adesso Kiev punta a prendere di mira altre strutture petrolifere, depositi di rifornimenti, installazioni militari, basi strategiche. E i droni “kamikaze”, soprattutto quelli a lungo raggio, sembrano essere armi estremamente efficaci per questo scopo: la realizzazione è semplice ed economica, e sono in grado di eludere la difesa russa.

 

I droni “kamikaze”

Da mesi l’Ucraina utilizza i droni Switchblade forniti dagli Stati Uniti, ma si tratta di dispositivi a portata relativamente breve, che devono venire pilotati per raggiungere il bersaglio. I droni “kamikaze”, invece, possono percorrere una grandissima distanza senza bisogno di un operatore a guidarli e sono abbastanza piccoli da sfuggire alla difesa aerea, progettata per rilevare aerei da combattimento e missili. Il pilota ha un unico compito: prima della partenza, deve utilizzare il gps per dare al drone un punto di riferimento sulla mappa, che dovrà essere raggiunto.

Il dispositivo utilizzato nell’attacco di Rostov è stato prodotto dall’Ucraina ed è costato meno di 10mila dollari. Ma non è tutto. Motori, sistemi di guida, telecomandi, gps, potrebbero essere tutti acquistati separatamente e assemblati, in modo da non destare sospetti di alcun tipo. Per realizzare questo tipo di arma, inoltre, non è nemmeno necessaria troppa esperienza tecnica.

Ultimo aggiornamento: 19:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA