Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sergey, Ludmilla, Lida e Oksana: le storie di chi fugge e di chi resta in Ucraina

Lunedì 21 Marzo 2022
foto

Sergey, 69 anni, di Karkiv, è in sedia a rotelle. Ha raggiunto Leopoli in treno con la moglie Ludmilla e il figlio Vlady, che non può lasciare il Paese, ma ha deciso di mettere in salvo i genitori malati. Lida, 38 anni, faceva la commessa vicino Karkiv e ha raggiunto Leopoli in treno. E' partita per mettere in salvo la figlia Katia. Alessia, 27 anni, viaggia insieme alla nonna Oksana, 70 anni. Vuole raggiungere la madre, che vive in Italia dal 2011. Suo marito è rimasto in Ucraina a combattere. Sono alcune delle storie raccolte dalla Croce Rossa Italiana, arrivata a Leopoli per coordinare la prima evacuazione dall'Ucraina all'Italia di profughi in fuga dalla guerra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento