Ucraina, «i riservisti russi devono comprare da soli il giubbotto antiproiettile»: l'accusa dell'intelligence britannica

Si parla del giubbotto 6B45 antiproiettile

Ucraina, «i riservisti russi devono comprare da soli il giubbotto antiproiettile»: l'accusa dell'intelligence britannica
Ucraina, «i riservisti russi devono comprare da soli il giubbotto antiproiettile»: l'accusa dell'intelligence britannica
di Mario Landi
Sabato 15 Ottobre 2022, 12:18 - Ultimo agg. 14:56
3 Minuti di Lettura

Molti riservisti russi chiamati a combattere in Ucraina sono costretti a comprare da soli l’equipaggiamento per andare in battaglia. Una cosa in particolare: il giubbotto antiproiettile. Lo fa sapere l’intelligence britannica, nell’ultimo rapporto sulla guerra divulgato dal ministero della Difesa: «Contingenti di riservisti russi appena mobilitati sono stati dispiegati in Ucraina nelle ultime due settimane - si legge nel rapporto - Il loro livello medio di equipaggiamento personale è quasi certamente inferiore alla già scarsa dotazione delle truppe precedentemente schierate. È probabile che molti riservisti debbano acquistare il proprio equipaggiamento protettivo». In particolare, si parla del giubbotto 6B45, antiproiettile che - prosegue il rapporto - «è stato venduto sui siti di shopping online russi per 40.000 rubli, rispetto a circa 12.000 rubli di aprile. Nel 2020, le autorità russe hanno annunciato che 300.000 set di giubbotti antiproiettile Ratnik erano stati forniti all’esercito russo, sufficienti per equipaggiare la forza attualmente dispiegata in Ucraina. Corruzione endemica e scarsa logistica rimangono una delle cause alla base della scarsa performance della Russia in Ucraina». 

Putin, soldati russi appena mobilitati e «già morti». I blogger pro-guerra: mandati a combattere dallo Zar

Ucraina guerra, 60mila donne soldato. Olga, Kateryna e Maryana: chi sono le eroine al fronte

Il giubbotto multiruolo 6B45 è stato sviluppato dalla società Techinkom, con sede a San Pietroburgo. Il Ministero della Difesa di Mosca lo ha incluso nel “Kit Ratnik - soldato del futuro”, che fa parte del programma di ammodernamento dell’esercito, insieme a nuove radiotrasmittenti, sistemi satellitari moderni, strumenti avanzati per la visione notturna e diurna, e sistemi di identificazione sofisticati, in aggiunta a nuove armi e munizioni. La variante base del 6B45 del giubbotto ha un peso di circa 8 kg e ha piastre corazzate nelle tasche tasche frontali e posteriori. È un giubbotto antiproiettile modulare, che può essere rimosso in meno di 3 secondi, utilizzando uno speciale sistema di caduta di emergenza.

 

Ci sono tre varianti del 6B45. Quella più leggera comprende le sezioni frontale e spinale, e non ha piastre corazzate Granit installate. Viene usata da forze speciali, cecchini, ufficiali e medici. Ha il livello di protezione NIJ II/BR2 EN 1063, contro proiettili Para full metal jacket (FMJ) da 9 mm. La variante media è equipaggiata con sezioni frontali e spinali rinforzate da placche rigide Granit. Fornisce protezione NIJ III/BR6 EN 1063, contro proiettili FMJ M80 da 7,62 mm. Questa tipologia di giubbotto viene usata dai soldati. La variante Heavy 6B45 comprende sezioni frontale e spinale, ognuna delle quali è rinforzata con due placche rigide Granit, e presenta anche protezioni morbide laterali, alle spalle, al collo e all’inguine. Il giubbotto 6B45 è completato dall’elmetto da combattimento 6B47 sviluppato dalla società Armokom.

© RIPRODUZIONE RISERVATA