Covid mondo, Usa record: 107mila contagi in 24 ore. Boom anche in Francia: oltre 58mila casi

Giovedì 5 Novembre 2020
Covid, Usa record: 107mila contagi in 24 ore. Morti aumentati del 21% in una settimana

Oltre 100mila nuovi contagi in 24 ore. Mentre gli americani restano con il fiato sospeso nell'attesa di sapere chi tra Donald Trump e Joe Biden sarà il prossimo presidente, gli Usa infrangono un altro triste record sul coronavirus. Ieri per la prima volta dall'inizio della pandemia sono stati registrati oltre 100 mila casi di covid in un solo giorno. Numero che aveva previsto già la settimana scorsa il virologo Anthony Fauci, membro della task force della Casa Bianca: in un'intervista al Washington Post aveva avvertito che molto probabilmente il paese avrebbe presto raggiunto quota 100 mila. Aggiungendo: «Stiamo soffrendo moltissimo». Numeri da capogiro anche in Francia: sono state 58.046 le persone risultate positive al tampone sul Covid-19, secondo quanto annunciato in diretta dal ministro della Salute, Olivier Véran, e dal direttore generale della Salute, Jerome Salomon. Anche qui si tratta di un record. Una parte di questi 58.000 positivi «saranno i ricoverati di domani», ha aggiunto Véran, precisando che «la situazione è tesa». I pazienti entrati in rianimazione sono stati 447, il tasso di positività è al 20,76%.

Covid, stretta della Cina: vietato l'ingresso nel Paese per chi arriva dall'Italia

​Aviaria nel nord Europa: migliaia di polli abbattuti in Francia, Germania e Inghilterra

La situazione negli Stati

Per la precisione, secondo i dati del New York Times, i contagi ieri sono stati 107 mila: 23 stati, inoltre, hanno avuto più casi nell'ultima settimana che in qualsiasi altro periodo di sette giorni. Il quotidiano ha fatto sapere pure che in Colorado, Indiana, Maine, Minnesota e Nebraska, mercoledì sono stati superati i record di casi in un solo giorno. In aumento i contagi nel Mountain West e nel nord-est, che durante l'estate sembrava essere riuscito a tenere il virus sotto controllo. Per settimane, Wisconsin, North Dakota e South Dakota sono stati i luoghi con il numero maggiore di nuovi casi rapportati alla quota della popolazione, ma negli ultimi 14 giorni sono stati registrati forti aumenti in Minnesota (pari al 102%), in Indiana (+73%) e in Wyoming (+73%).

 

 

E ancora, se per mesi il Maine ha registrato livelli di contagio tra i più bassi degli Usa, ora i nuovi casi sono più che triplicati, mentre in Iowa sono più che raddoppiati. I decessi legati al coronavirus, invece, sono aumentati del 21% in tutto il paese nelle ultime due settimane. E gli ospedali in alcune zone stanno subendo la pressione di un crescente carico di lavoro: secondo il Covid Tracking Project, oltre 50.000 persone sono attualmente ricoverate in ospedale con il virus, con un aumento pari circa al 64% dall'inizio di ottobre.

 

 

 

La situazione in Spagna

Il ministero della Salute spagnolo ha comunicato invece che nel Paese sono stati registrati 21.908 nuovi casi di coronavirus e 368 decessi, il numero di vittime più alto nella seconda ondata dell'epidemia di Covid-19. In totale 1.306.316 persone sono state infettate e 38.486 sono morte dall'inizio della pandemia, secondo i dati ufficiali. Lo riferisce il sito online del Pais. Il presidente del governo, Pedro Sánchez, ha dichiarato che la campagna di vaccinazione contro il coronavirus «potrebbe essere pronta» entro sei mesi, a maggio. «I nuovi vaccini potrebbero essere pronti per quel momento, accompagnando il cambio di stagione, e questo ci aiuterà a recuperare progressivamente la normalità», ha detto Sánchez. Intanto in Portogallo, il presidente, Marcelo Rebelo de Sousa, ha inviato questo giovedì all'Assemblea della Repubblica la proposta di imporre lo stato di emergenza, che entrerà in vigore lunedì prossimo, 9 novembre e avrà un periodo iniziale di validità di 15 giorni , con nuove limitazioni alla mobilità.

Austria: record di contagi, tutto il Paese zona rossa

Tutti i 15 distretti austriaci sono adesso sul rosso, secondo la segnalazione a semaforo che indica il rischio del contagio da coronavirus: lo ha deciso la commissione per il coronavirus riunita nel pomeriggio. Lo riferisce Apa. Le ultime regioni gialle e verdi sono sparite dalla cartina. 7.400 i nuovi contagi, riporta Kurier. Dall'inizio della pandemia sono 132.000 i contagiati e sono 50.643 le persone che attualmente sono ammalate per il covid-19.

Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 11:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA