Aereo Ryanair dirottato dalla Bielorussia, l'Italia convoca l'ambasciatore. Sanzioni Ue: congelati 3 miliardi, Gentiloni: «Atto gravissimo e vergognoso», Merkel: «Liberate il giornalista»

Lunedì 24 Maggio 2021
Volo Ryanair dirottato in Bielorussia, arrestata anche la compagna del reporter dissidente

Sempre più inverosimili le giustificazioni della Bielorussa sul caso del volo Ryanair Fr 4978 dirottato ieri a Minsk con l'impiego di Mig29: da parte dell'Unione europea è in arrivo il divieto alla Belavia (la compagnia aerea bielorussa) di atterrare «negli aeroporti dell'Ue» e di una «no-fly zone» sul Paese per tutti i voli da e verso l'Unione Europea, compresi i sorvoli. Minsk si è difesa prima attaccando, ovvero accusando l'Occidente di voler «politicizzare il caso» e assicurando di aver seguito le «norme internazionali». 

Minsk, è la sua versione, è intervenuta d'urgenza sul volo partito da Atene e diretto a Vilnius perché le autorità aeroportuali avrebbero ricevuto «una mail da Hamas» in cui si minacciava di far «saltare in aria» il velivolo se l'Europa non avesse «cessato il suo appoggio verso Israele» nella guerra contro Gaza. Ma, guarda caso, nel corso dei controlli è spuntato fuori che sul volo c'era Roman Protasevich, ex direttore del canale indipendente Nexta, voce dell'opposizione contro Alexander Lukashenko, subito arrestato (poiché sta sulla lista dei terroristi-estremisti). I punti oscuri restano però ancora molti. Chi sono quei tre passeggeri - di nazionalità russa o bielorussa, non è chiaro - che sono convenientemente scesi a Minsk, oltre a Protasevich e alla sua compagna, e non hanno proseguito per Vilnius quando il volo è ripartito? O'Leary, patron di Ryanair (anch'essa non immune da critiche per non avere citato la reale situazione in una nota diffusa dopo il dirottamento)  ha parlato apertamente di «agenti segreti» bielorussi. Perché, da extra-comunitari, avevano la possibilità, in tempi Covid poi, di accedere a un volo intra-Ue? Ancora. L'ingegnere aeronautico Vadim Lukashevich ha pubblicato un grafico, ripreso dalla testata indipendente Meduza, in cui analizza le rotte di atterraggio normalmente impiegate per approcciare Vilnius, mostrando come il volo Fr4978 non stesse calando di quota, probabilmente per raggiungere il prima possibile, a tutta velocità, lo spazio aereo lituano. Perché poi ha improvvisamente invertito la rotta? I piloti hanno scelto di atterrare a Minsk - come sostiene la Bielorussia - o c'è dell'altro? Ryanair ha detto di non poter fornire ulteriori dettagli poiché del caso ora se ne stanno occupando le «agenzie competenti dell'Ue». E della Nato.

Mosca, che sostiene a spada tratta Lukashenko, per ora si è mossa con cautela. Se la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova si è detta «scioccata» su Facebook per lo «shock» dell'Occidente, notando che i Paesi occidentali sono stati in passato colpevoli di «rapimenti, atterraggi forzati e arresti illegali», il Cremlino ha reagito con un più neutro «no comment». «Ci sono delle regole nell'aviazione internazionale e spetta alle autorità preposte valutarne il rispetto o meno», ha tagliato corto il portavoce di Vladimir Putin.

Di certo c'è che un maggior isolamento della Bielorussia non può che giovare alla Russia, apertamente interessata a legarla saldamente all'interno della sua sfera d'influenza. Ed evitare un'altra Ucraina. Giallo nel giallo, in serata la madre di Protasevich ha fatto sapere che, «secondo informazioni non confermate», suo figlio è «in uno degli ospedali di Minsk» e le sue condizioni sarebbero «critiche» per problemi cardiaci. «Chiediamo ai medici di capire e riferire cosa sta realmente accadendo a Roman», è stato il suo appello. 

 

La Farnesina ha convocato l'ambasciatore bielorusso a Roma per esprimere la forte condanna dell'Italia in merito alla vicenda del volo di linea Ryanair Fr 4978 Atene-Vilnius (Lituania) costretto ad atterrare a Minsk (Bielorussia), dove è stato poi arrestato il giornalista dissidente Roman Pratasevich, nel mirino del dittatore Lukashenko. Un dirottamento senza precedenti che ha ridotto i cieli europei ai boschi medievali dove un agguato dei briganti era sempre da mettere in conto, anche se la Bielorussia punta a dimostrare, dopo avere schierato i caccia Mig19 armati di missili aria-aria, di non aver violato la legaliltà e di avere agito per la tutela dei viaggiatori (171 persone di fatto sequestrate per alcune ore) in base alla minaccia (la cui veredicità tutta da dimostrare) che sarebbe arrivata "da Hamas con l'annuncio della presenza di una bomba" sul 737 irlandese. In realtà, come si nota facilmente seguendo il tracciato grazie a FlightRadar24, è stato dirottato quando era ormai in "finale" per Vilnius e costretto ad allungare la rotta deviando a ovest verso Minsk. Ci fosse stata davvero una bomba, la cosa più logica e sicura sarebbe stata quella di far completare il volo secondo la destinazione prevista.

Le autorità bielorusse hanno inoltre trattenuto la fidanzata del giornalista insieme ai quali, si è poi scoperto viaggiavano anche tre persone che non sono ripartite per Vilnius: si ipotizza che siano tre agenti del Kgb, i servizi segreti della Bielorussa, che pedinavano il dissidente. 

E molti dubbi solleva anche la mossa del giorno seguente di bloccare un aereo della compagnia di bandiera tedesca Lufthansa, diretto a Francoforte, fermato all'aeroporto di Minks, in Bielorussia, per il il timore di «un imminente atto terroristico». Lo ha detto il servizio stampa dell'aeroporto citato da Interfax. «L'indirizzo mail dell'aeroporto nazionale ha ricevuto un messaggio da persone non identificate sull'intenzione di commettere un atto di terrorismo sul volo Lufthansa LH1487 sulla rotta Minsk-Francoforte. Il volo doveva decollare alle 14:20. L'imbarco su questo volo è stato sospeso», si legge nel comunicato.

Sanzioni Ue

«Serve una risposta molto forte contro questo dirottamento completamente inaccettabile. Lukashenko deve capire che questo atto non può essere senza conseguenze»: lo ha detto la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, entrando al vertice Ue. Von der Leyen ha spiegato che «il pacchetto economico da 3 miliardi di investimenti pronto ad andare dalla Ue in Bielorussia resta congelato finché la Bielorussia non diventerà democratica». E si stanno discutendo sanzioni dirette contro individui ed entità economiche che finanziano il regime, e contro l'aviazione.

Merkel

«Abbiamo assistito a un atterraggio forzato, tutte le altre spiegazioni» invocate dalla Bielorussia «sono del tutto inverosimili. Roman Protasevich deve essere rilasciato immediatamente così come la sua compagna». Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel al suo arrivo al vertice europeo.

 

Gentiloni

«Sono convinto che il vertice dei capi di Stato è di governo dell'Ue serva anche a dare una risposta a quello che è successo ieri». Lo sottolinea il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni, a margine del prevertice del Pse a Bruxelles. Si tratta, specifica Gentiloni, di un fatto veramente senza precedenti, un fatto vergognoso e incredibile, a cui l'Unione Europea deve dare una risposta. Occorre da parte europea il massimo di risposta possibile, non si può stabilire un precedente di questo genere, conclude.

 

L'Unione Europea

Il caso della Bielorussia (e delle relazioni con Mosca) con il dirottamento del volo Ryanair per arrestare un dissidente dell'opposizione al premier Alexander Lukashenko costringe i Ventisette a centrare la prima parte del Consiglio europeo convocato per stasera alle 19 nella capitale belga (senza la presenza della stampa a causa delle misure anti pandemia) sulla risposta europea. Il 'dirottamentò segnala pericoli politici e sulla stessa sicurezza in una porzione dello spazio aereo continentale. La presidente della Commissione von der Leyen chiede ha evocato nuove sanzioni contro la Bielorussia. 

"Il dirottamento non resterà senza conseguenz", ha detto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Francia e Lituania chiedono l'interdizione dello spazio aereo della Bielorussia, il Belgio vuole che la compagnia Belavia non sia più autorizzata ad atterrare nella Ue. Prima di decidere le sanzioni occorrerà un'inchiesta sull'accaduto e per questo sono state per il momento solo evocate. La Bielorussia è già stata colpita da sanzioni europee dopo le restrizioni che hanno colpito finora 88 persone (tra cui il premier Lukascenko) e 7 entità: le misure restrittive prevedono il divieto di viaggio nella Ue e il congelamento dei beni. Motivo: si tratta di esponenti bielorussi considerati responsabili di violenti atti di repressione e intimidazione perpetrati nei confronti di manifestanti pacifici, membri dell'opposizione e giornalisti in Bielorussia. Misure che non hanno sortito grandi effetti, così come, d'altra parte, non hanno sortito effetti le misure europee e americane nei confronti della Russia.

 

Londra a compagnie aeree GB: «Evitate spazio aereo Bielorussia»

 

Le autorità di Londra hanno chiesto alle compagne aeree britanniche di non entrare nello spazio aereo bielorusso. «A seguito della deviazione forzata su Minsk ieri di un aereo della Ryanair, ho dato istruzioni (alla British Civil Aviation Authority) di chiedere alle compagnie aeree di evitare lo spazio aereo bielorusso per mantenere al sicuro i passeggeri», ha annunciato il ministro dei Trasporti britannico, Grant Shapps. Su Twitter, Shapps ha anche annunciato che la Gran Bretagna ha sospeso il permesso di volo alla compagnia di bandiera bielorussa, Belavia.

 

Anche Lituania vieta il sorvolo dello spazio aereo bielorusso

 

La Lituania ha reso noto di aver vietato a tutti i voli di attraversare lo spazio aereo bielorusso dopo il caso Ryanair di ieri. Da martedì «è vietato a tutti i voli da o verso gli aeroporti lituani di attraversare lo spazio aereo bielorusso», ha detto il ministro dei trasporti Marius Skuodis in una riunione del governo il giorno dopo l'intervento della Bielorussia che ha costretto un aereo diretto a Vilnius ad atterrare e ha arrestato un giornalista a bordo.

 

Volo Ryanair dirottato in Bielorussia, arrestata anche la compagna del reporter dissidente

Caccia Mig29 della Bielorussia costringono aereo Ryanair ad atterrare: arrestato giornalista sgradito a Lukashenko. L'Ue minaccia sanzioni. Supplemento antirapimento?

 


 

 

 

 

Domenica Le autorità bielorusse hanno arrestato almeno un altro passeggero del volo Ryanair atterrato ieri d'urgenza a Minsk. Come riferisce il servizio russo della Bbc, insieme all'ex direttore del canale Telegram Nexta Roman Protasevich, è stata arrestata la sua ragazza, una cittadina russa di 23 anni, Sophia Sapega, che sta frequentando un master all'Università Europea di Scienze Umanistiche di Vilnius nell'ambito del programma di Diritto Internazionale e dell'Ue. «L'Università sta facendo ogni sforzo perché Sofia Sapega venga rilasciata il più presto possibile», ha detto il portavoce dell'ateneo Maxim Milta. Lo riporta la testata Meduza.

Caccia Mig29 della Bielorussia costringono aereo Ryanair ad atterrare: arrestato giornalista sgradito a Lukashenko. L'Ue minaccia sanzioni

Le autorità bielorusse devono liberare «immediatamente» Raman Pratasevich. Lo chiede l'Alto Rappresentante Ue Josep Borrell, per il quale si tratta di un «ennesimo palese tentativo delle autorità bielorusse di silenziare tutte le voci di opposizione».

Secondo Borrell va condotta «un'indagine internazionale sull'incidente, per appurare qualsiasi violazione delle norme sull'aviazione civile». Il Consiglio Europeo di oggi parlerà dei fatti accaduti ieri: l'Ue «valuterà le conseguenze di questa azione» e potrebbe «adottare misure contro i responsabili», conclude Borrell. 

Russia choc - Mosca ha definito «scioccanti» le accuse occidentali contro la Bielorussia, sospettata di aver dirottato un volo commerciale Ryanair sulla base di una minaccia di bomba per arrestare un oppositore a bordo. «E' scioccante che l'Occidente consideri l'incidente nello spazio aereo bielorusso scioccante», ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova sulla sua pagina Facebook, notando che i Paesi occidentali sono stati in passato colpevoli di «rapimenti, atterraggi forzati e arresti illegali».

La Bielorussia è pronta a ricevere esperti e a dimostrare tutti i materiali relativi all'atterraggio del volo Ryanair a Minsk. Lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri bielorusso Anatoly Glaz in una dichiarazione pubblicata sul sito del ministero. «Non ho dubbi che possiamo garantire la piena trasparenza in questa questione, gli esperti saranno ricevuti e tutti i materiali saranno dimostrati, se necessario, al fine di escludere le insinuazioni», ha detto Glaz.

Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 01:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA