L'equipaggio dello yacht Amadea da 280 milioni di euro «si rifiuta di salpare» con le autorità Usa (che vogliono sequestrarlo)

Il capitano dell'imbarcazione, che dovrebbe appartenere all'oligarca Kerimov, ha spiegato che i membri dell'equipaggio non vengono più pagati perché i fondi dell'armatore sono stati congelati

L'equipaggio dello yacht Amadea da 280 milioni di euro «si rifiuta di salpare» con le autorità Usa (che vogliono sequestrarlo)
L'equipaggio dello yacht Amadea da 280 milioni di euro «si rifiuta di salpare» con le autorità Usa (che vogliono sequestrarlo)
di Mario Landi
Domenica 29 Maggio 2022, 19:51 - Ultimo agg. 31 Maggio, 21:52
2 Minuti di Lettura

L'equipaggio di un superyacht da 300 milioni di dollari legato a un oligarca russo sanzionato si «rifiuta di salpare». La storia l'ha raccontata Cbs News che ha rivelato i documenti del tribunale secondo cui le autorità statunitensi starebbero cercando di sequestrare la nave. Si tratta dello yacht Amadea, una super imbarcazione di lusso attraccata alle Fiji che secondo il Dipartimento di Giustizia è di proprietà del miliardario russo Suleiman Kerimov. Il lungo processo legale si è complicato il 7 maggio, quando l'equipaggio della nave ha rifiutato di aiutare le autorità statunitensi durante la partenza della nave. 

Ma cosa c'è alla base del rifiuto? Secondo il rapporto della Cbs, basato su una dichiarazione del capitano britannico della nave, John Walsh, i membri dell'equipaggio non vengono più pagati per salpare sull'Amadea perché i fondi dell'armatore sono stati congelati. Inoltre, l'equipaggio è preoccupato che la violazione del contratto di lavoro lavorando con le forze dell'ordine statunitensi possa rovinare la loro reputazione professionale. «L'attuale equipaggio dell'Amadea si rifiuta di salpare con le autorità statunitensi verso una destinazione sconosciuta», ha scritto Walsh alla Cbs. 

Ora nuovo equipaggio?

Dopo il caso, sembra che gli Stati Uniti abbiano assunto un nuovo equipaggio per la nave. Tuttavia, il capitano della barca ha ripetutamente rifiutato di avere nuovi membri dell'equipaggio a bordo a causa della mancanza di un'adeguata "verifica". L'Amadea, lunga 106 metri, è dotata di eliporto, piscina e otto cabine, ed è uno dei più grandi superyacht del mondo.

Kerimov, il suo presunto proprietario, è stato sanzionato dagli Stati Uniti nel 2018 e si dice che abbia «stretti legami» con il presidente russo Vladimir Putin. Il miliardario magnate dell'oro è uno delle dozzine di oligarchi i cui beni esteri sono diventati pezzi degli scacchi nella risposta dell'Occidente all'invasione russa dell'Ucraina. L'avvocato dell'oligarca ha affermato che il vero proprietario della nave è un dirigente petrolifero russo di nome Eduard Khudainatov, che non è stato sanzionato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA