Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Z", il simbolo dell'invasione russa colpisce le aziende: da Zulip ai gioielli di Louis Vuitton, è gogna sui social

Da quando i carri armati di Putin sono entrati in Ucraina, l'ultima lettera dell'alfabeto italiano è diventata sempre più sinonimo di guerra, violenza e nazionalismo

Martedì 29 Marzo 2022
Z", il simbolo dell'invasione russa colpisce le aziende: da Zulip a Louis Vuitton, le big messe alla gogna sui social

È un momento sfortunato per essere un imprenditore il cui logo aziendale incorpora in qualche modo la forma della lettera "Z". Da quando i carri armati russi sono entrati in Ucraina il mese scorso, la ventunesima e ultima lettera dell'alfabeto italiano è diventata sempre più sinonimo di guerra, violenza e nazionalismo. «Non c'è amore più grande di dare la propria vita per i propri amici», aveva detto Vladimir Putin arrivando a citare il Vangelo per giustificare la sua aggressione all'Ucraina nel famoso discorso in uno stadio di Mosca gremito all'inverosimile, in un tripudio di bandiere russe e vessilli con la ormai famigerata ' Z'. Che ha invaso anche lo sport: dopo l'episodio del ginnasta russo Ivan Kuljak di una settimana fa, a prendersi la scena nella propaganda di guerra sono stati quattro club di bandy (sport molto simile all'Hockey) che hanno formato una 'Z' sul campo prima di una partita. 

Lunedì scorso, un portavoce del ministero dell'Interno tedesco ha annunciato che le persone che mostrano la lettera "Z" a sostegno dell'invasione potrebbero essere perseguite penalmente. Ciò potrebbe applicarsi a chiunque deturpi proprietà con il simbolo, la tenga in occasione di manifestazioni pubbliche o la pubblichi online. Chiunque sia ritenuto colpevole potrebbe essere soggetto a pesanti multe o fino a tre anni di carcere. Michael Roth, presidente della commissione per gli affari esteri del Bundestag, ha elogiato la notizia. «La Z è diventata il simbolo di un regime autoritario, che sta conducendo una terribile guerra di aggressione, violando il diritto internazionale, imbavagliando la libertà di espressione e facendo delle bugie la norma», ha twittato Roth . «Chiunque nel nostro Paese usi la 'Z' si sta trasformando in un vassallo del regime russo e deve essere punito».

L'annuncio è arrivato dopo che diversi stati tedeschi, tra cui Baviera e Bassa Sassonia, avevano già adottato misure per vietare il simbolo. I parlamentari lituani chiedono di vietare la Z, che secondo loro viene «usata per intimidazioni e bullismo», e il "nastro georgiano" (un simbolo militare russo). Lunedì, il ministro degli Esteri ucraino ha invitato più paesi a seguire l'esempio. «Chiedo a tutti gli stati di criminalizzare l'uso del simbolo 'Z' come un modo per sostenere pubblicamente la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina", ha scritto su Twitter . «"Z" significa crimini di guerra russi, città bombardate, migliaia di ucraini assassinati. Il sostegno pubblico a questa barbarie deve essere proibito».

 

Ma alcuni marchi non corrono rischi, anche se le loro preoccupazioni sull'uso continuato della lettera "Z" sono più un problema di reputazione che di responsabilità penale. Zurich Insurance Group, una società globale con sede in Svizzera, ha annunciato che avrebbe temporaneamente rimosso la lettera dal suo marchio. «Stiamo monitorando da vicino la situazione e intraprenderemo ulteriori azioni se e quando necessario», ha detto la società a The Telegraph . «Il marchio Zurich esiste da 150 anni. È un marchio affidabile e abbiamo dimostrato la nostra capacità di cambiare e rispondere alle sfide nel tempo». Il servizio di consegna di generi alimentari britannico Ocadostava ha ridisegnato il logo per il suo nuovo servizio di consegna rapida "Zoom", poche settimane dopo il suo lancio, per prendere le distanze dal conflitto in Ucraina.

La lettera "Z" e le aziende, scoppia la polemica

Zulip, che produce software di chat di gruppo (come Slack), ha discusso la questione nell'ultima settimana e alla fine ha concluso che lo stile del loro logo "Z" non assomiglia a quello usato dall'esercito russo. Tim Abbott, CEO di Zulip, ha dichiarato a VICE News: «La comunità globale dovrebbe concentrarsi sulla condanna di ogni promozione dell'invasione russa, indipendentemente da quali simboli, immagini o lingua vengono utilizzati». (Altre società che presentano una "Z" in primo piano nei loro loghi, tra cui Zipcar, Zoomer Media, ZenHub e la società di costruzioni tedesca Z-Service non hanno risposto alle richieste di commento di VICE News.).

Polonia, nella foresta delle cronache di Narnia l'incubo dei bambini curdi prigionieri, migranti di serie B

Il designer di lusso Louis Vuitton sta affrontando un contraccolpo dopo aver svelato una nuova linea di gioielli con una rappresentazione stilizzata delle iniziali LV dell'azienda che ricorda da vicino una "Z". Un annuncio per la nuova linea, pubblicato sulla loro pagina Instagram la scorsa settimana, ha quasi 50.000 commenti, metà dei quali sono emoji del cuore seguiti dalla bandiera russa, l'altra metà, persone che dicono al marchio che dovrebbero "vergognarsi" di se stesse per aver promosso guerra.

Ultimo aggiornamento: 30 Marzo, 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA