Botti per un compleanno, Castellammare di Stabia svegliata nel cuore della notte

Nel rione Cmi batteria di fuochi ma nessuno denuncia

Botti per un compleanno, Castellammare di Stabia svegliata nel cuore della notte
di Fiorangela d'Amora
Sabato 4 Novembre 2023, 08:57 - Ultimo agg. 11:57
3 Minuti di Lettura

Fuochi d'artificio nel cuore della notte, batterie pirotecniche esplose tra i palazzi per festeggiare un compleanno. Succede nel rione del Cmi di Castellammare, tra le case popolari di operai e artigiani, famiglie che si alzano all'alba per lavorare e che invece ieri notte sono state svegliate da un susseguirsi improvviso di fuochi.
Il video denuncia è stato inviato al deputato dell'Alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli, che ha diffuso le immagini sul web commentando quelle che sembrano scene di guerra.

«Fuochi selvaggi, un attentato alla pubblica sicurezza e testimonianza dell'arroganza criminale di certi soggetti.

Fenomeno da contrastare con decisione», queste le parole di Borrelli che ha pubblicato un lungo minuto di un video nel quale si vedono decine di batterie di fuochi d'artificio accendersi tra i palazzi e giovani avvicinarsi per sistemare le micce. Secondo quanto riportato da Borrelli erano in corso i festeggiamenti per un compleanno di 30 anni.

Dal quartiere, tra chi non ha preso parte ai festeggiamenti e chi si è spaventato per il forte rumore, in molti erano alla finestra e qualcuno ha preso il cellulare e ripreso la scena. Nessuno però ha però segnalato la vicenda alle forze dell'ordine che non hanno ricevuto denunce o richieste di intervento. Il video diffuso online ha però mobilitato i carabinieri, diretti dal comandante Giuseppe De Lisa, che hanno avviato le verifiche. Come già avvenuto per altre vicende simili i militari vogliono vederci chiaro e capire chi abbia autorizzato l'accensione di fuochi pirotecnici in strada e per chi sia stata fatta questa messinscena. Già alcuni mesi fa si verificò una vicenda simile al rione Savorito, con fuochi accesi improvvisamente per festeggiare una guarigione.

Video

Stavolta è un altro quartiere popolare lo scenario di festeggiamenti abusivi in strada. «Follia ed anarchia totali. Questi soggetti, che tra l'altro rischiano di farsi male essi stessi, bloccano intere strade, intere piazze, interi quartieri, come se ne fossero i padroni e mettono in pericolo la cittadinanza con i loro gesti avventati, stupidi ed irresponsabili - aggiunge Borrelli -. Queste che per loro sono feste sono in realtà atteggiamenti criminali che vanno fermati prima ancora che possa verificarsi qualche incidente».

Il quartiere popolare è anche considerato uno dei più a rischio per la presenza di famiglie criminali, zone già attenzione dalle forze dell'ordine sopratutto in questi mesi. È già iniziato infatti il conto alla rovescia per i festeggiamenti dell'Immacolata e tra i rioni è partita la caccia a mobili vecchi, pedane e pezzi di legno da utilizzare per l'accensione dei falò illegali. Un'usanza che nei quartieri non si riesce a scardinare nonostante i controlli serrati di carabinieri e polizia, i sequestri di tonnellate di legna e il presidio in strada nella notte tra il 7 e l'8 dicembre.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA