Frana Casamicciola, 13 anni fa la tragedia di Anna: travolta dal fango mentre andava a scuola. I precedenti

Il territorio ischitano colpito negli ultimi anni da tragedie a causa delle alluvioni e terremoti

Frana Casamicciola, 13 anni fa la tragedia di Anna: travolta dal fango mentre andava a scuola. I precedenti
Frana Casamicciola, 13 anni fa la tragedia di Anna: travolta dal fango mentre andava a scuola. I precedenti
Sabato 26 Novembre 2022, 11:50 - Ultimo agg. 19:44
4 Minuti di Lettura

A Casamicciola torna l'incubo frane. Tredici anni fa una ragazza, Anna De Felice, morì proprio a causa di un'alluvione che provocò una frana, partita dalla zona alta del comune per arrivare fino al mare.

Frana Casamicciola, idraulico travolto e trascinato dal fango: in ospedale dopo essere stato salvato

Casamicciola, i precedenti

Anna De Felice, che stava per andare a scuola in auto, fu travolta dal fiume di fango mentre cercava di uscire dalla vettura per mettersi in salvo. Consistenti furono i danni alle abitazioni. Dopo 3 giorni di pioggia il 10 novembre del 2009, alle ore 8:10, un fiume di acqua e fango proveniente dalle valli alla pendice del Monte Epomeo travolse il centro abitato di piazza Bagni proseguendo la sua corsa verso il mare lungo via Monte della Misericordia. Acqua, fango e pietre piombarono nelle acque del porto di Casamicciola, trascinando in mare le auto e tutto ciò che capitava dinanzi. Anna morì, una ventina i feriti, due in gravi condizioni. La ragazzina, di appena 15 anni, fu trovata nel fango senza vita. Era in uno dei veicoli travolti dalla massa di fango e acqua insieme alla madre. La donna si salvò. Era a bordo dell’auto che trascinata in mare dalla frana.  Altre quindici persone furono estratte vive.

 

Ischia, l'isola verde fragile

Frane, terremoti e morti. Negli ultimi 16 anni l'isola d'Ischia è stata teatro - oltre a quello di oggi - di almeno altri tre eventi tragici causati anche dall'aggressione al territorio e in particolare dal fenomeno dell'abusivismo edilizio che ha reso ulteriormente «fragile» la struttura idrogeologica. Il 30 aprile del 2006 una frana di fango e detriti colpì il monte Vezzi. Una intera abitazione venne spazzata via e a perdere la vita furono quattro persone: Luigi Buono, che faceva il cuoco sull'isola, e le sue tre figlie Anna, 18 anni, Maria, che ne aveva quasi 17 e Giulia, di 13. Dalla tragedia si salvarono la madre delle tre ragazze, Orsola Migliaccio, e una bimba piccola. Duecentocinquanta le persone che furono evacuate. A distanza di soli tre anni, il 10 novembre del 2009, ad essere colpita fu proprio Casamicciola, la porzione dell'Isola Verde compresa tra Porto e Lacco Ameno. A causa della violenti piogge, dal monte Epomeo si staccò un costone che provocò uno smottamento che trascinò a mare decine di auto e detriti. A perdere la vita fu Anna De Felice, una ragazzina di appena 15 anni. La tragedia si consumò intorno alle 8.30 del mattino. Il fiume di fango investì la strada tra Forio e Ischia Porto, isolando completamente la frazione di Casamicciola che per ore fu raggiungibile solo via mare. Le auto coinvolte furono una cinquantina, molte delle quali però erano ferme in un parcheggio e vuote. 

Video

Diverse vetture finirono in mare e molte quelle rimaste sepolte dalla massa di fango. In una di queste viaggiava la 15enne: nei suoi polmoni i medici trovarono acqua e sabbia. La frana provocò una decina di feriti, tra cui una bambina. Nel 2017 altro evento drammatico. La sera del 21 agosto Casamicciola e Lacco Ameno vennero scossa da un terremoto di magnitudo 4.0. che causò la morte di due persone e il crollo di diverse abitazioni. Sull'isola gli edifici sono in alcuni casi spesso realizzati con materiali non adatti a prevenire danni sismici, malgrado la zona sia classificata ad alto rischio. Dall'analisi storica dei terremoti avvenuti nel territorio di Ischia messa a punto dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) sono stati 15 i fenomeni tellurici avvenuti sull'isola tra il 1228 al 1883. Di questi, nove sono avvenuti nell'800 e ben 12 proprio Casamicciola. Costruita su un terreno franoso, capace di amplificare terremoti di intensità modesta, la frazione venne distrutta nell'estate 1883 da un sisma di magnitudo stimata in 4,3 e classificato per gli effetti nel decimo grado della scala Mercalli che provocò più di 2000 morti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA