Ischia, Eleonora Sirabella la prima vittima accertata: l'ultima telefonata al papà

Sotto i post il cordoglio di amici e conoscenti: «Angelo bello dagli occhi splendenti riposa in pace e proteggi tutti da lassu»

Eleonora Sirabella
Eleonora Sirabella
Domenica 27 Novembre 2022, 16:51 - Ultimo agg. 16:53
3 Minuti di Lettura

Una foto con alle spalle lo splendido panorama della sua adorata Ischia e la scritta «Il mio bel paese.... #myhome #myplace». È uno degli ultimi post su Facebook di Eleonora Sirabella, commessa 31enne, la prima vittima della frana di Ischia.

Eleonora era di Lacco Ameno, anche se viveva nella parte alta di Eleonora Sirabella, dove la frana si è portata via la casa che divideva con il marito, Salvatore Impagliazzo, ancora disperso. E proprio a Lacco Ameno è stata scattata questa foto che la vede in abito da sera in una serata di settembre seduta su un muretto con alle spalle le mille luci dell'isola verde. Sul suo profilo Fb c'è anche una foto che la ritrae con il padre Ciro, «Auguri all'uomo più affascinante del mondo..! Auguri al mio babbo..!», scriveva Eleonora, che, proprio quell'adorato padre aveva chiamato prima di venire travolta dalla pioggia l'altra notte. Gli aveva chiesto di venire a prenderla e portarla via in una zona più sicura. Ma il padre, accorso insieme al figlio, è rimasto bloccato da fango e detriti a poca distanza dall'abitazione della figlia, in via Celario. Poi una citazione di Giovanni Falcone, un'altra foto che la ritrae in posa sotto le stelle con la scritta «Le follie sono le uniche cose che non si rimpiangono mai.... #moonlight #theendofsummer #sottociel», la notizia di un gruppo no green pass spontaneo nato a Ischia, il ricordo del decimo anniversario della morte del parroco di Lacco Ameno. 

Video

Sotto i post il cordoglio di amici e conoscenti: «Angelo bello dagli occhi splendenti riposa in pace e proteggi tutti da lassu», «Rip in pace angelo bellissimo», «Che vita ingiusta, Rip», «Eleonora dagli occhi splendenti riposa in pace e proteggi tutti da lassù».

© RIPRODUZIONE RISERVATA