Ischia, il sottosegretario Delmastro garantisce: «Riavrà il tribunale»

L'annuncio ieri durante l'incontro con avvocati partenopei e ischitani al Coa Napoli

Il Sottosegretario Delmastro ieri in visita al Coa di Napoli
Il Sottosegretario Delmastro ieri in visita al Coa di Napoli
Sabato 25 Maggio 2024, 17:25 - Ultimo agg. 26 Maggio, 10:41
3 Minuti di Lettura

«Stabilizzeremo il tribunale di Ischia in maniera definitiva e in tempi brevissimi rispetto alle previsioni». L’annuncio arriva da Andrea Delmastro, sottosegretario di Stato alla giustizia che questa mattina ha incontrato gli avvocati napoletani e ischitani facendo il punto della situazione sul paventato rischio di chiusura della sede distaccata sull’isola. Delmastro, in visita al Consiglio dell’Ordine avvocati di Napoli, è stato accolto dal presidente Carmine Foreste, da alcuni consiglieri del Coa partenopeo, da una rappresentanza del foro isolano guidato da Alberto Morelli, presidente dell’Assoforense di Ischia e dai rappresentanti dei distretti giudiziari di Napoli nord e Torre Annunziata.

«Ringrazio il governo per la grande sensibilità mostrata sul tema - ha detto Foreste - ma soprattutto per la celerità con la quale ha affrontato una battaglia che stiamo portando avanti insieme a tanti colleghi. Questa non è una vittoria personale ma di tutta l’avvocatura napoletana e ischitana oltre che di tutto il comparto della giustizia”. Da oggi più ottimisti anche gli avvocati dell’isola: “Finalmente siamo sulla buona strada - ha aggiunto Morelli – troppo spesso siamo rimasti scottati da esperienze precedenti ma questa è la volta buona, ne siamo certi».

Delmastro ha spiegato il progetto che porterà alla stabilizzazione della sezione distaccata. «Ischia è un’isola che merita un presidio di legalità e che avrà presto una conferma di stabilizzazione senza ulteriori proroghe.

In tal senso, l’iter potrebbe essere quello di confermare Ischia, Lipari e Portoferraio all’interno di un decreto legge, in un maxi emendamento governativo di maggioranza. Sarebbe un risultato eclatante che non bisogna vendere prima di averlo conseguito, però ci sono tutte le condizioni. Ischia da questo governo verrà confermata e stabilizzata».

Si prevedono tempi abbastanza celeri: «Molto prima di quello che immaginate rispetto alla proroga prevista per fine dicembre. Vogliamo inserire Ischia all’interno di un decreto legge che per il momento riguarda l’apertura immediata di alcuni tribunali abruzzesi e che presto dovrà essere discusso e approvato in Parlamento.

Confermo dunque l’apertura di Ischia e non capisco come in questi anni la geografia giudiziaria possa aver messo Ischia da parte, è stato un handicap per tutta l’avvocatura. Bisogna invece garantire sempre la giurisdizione, perché ogni volta che s’interrompono le attività di un tribunale, s’interrompe un presidio di legalità».

Riguardo alla pianta organica, Delmastro ha concluso precisando che «...abbiamo già finanziato circa 1.510 unità di assunzione per magistrati togati su 1.522 tra quelli che mancano e quelli che andranno in pensione fino al 2025. Ciò vuol dire che siamo vicinissimi alla saturazione della pianta organica. Una vittoria storica per la magistratura, per le Procure, per l’avvocatura ma soprattutto per la giustizia italiana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA