Località Cantariello, viaggio nel degrado al confine tra Afragola e Casoria

La poca visibilità rende pericolosa la percorrenza dell’area

La periferia abbandonata
La periferia abbandonata
di Rosaria Rocca
Lunedì 14 Novembre 2022, 19:07 - Ultimo agg. 15 Novembre, 07:33
2 Minuti di Lettura

La cartellonista indica che ci troviamo nella provincia a nord di Napoli, ma lo scenario è degno del peggior sobborgo. Località Cantariello, al confine tra Afragola e Casoria, è caratterizzata da grosse montagne di rifiuti e vegetazione incolta in cui sorgono le baracche della comunità rom. 

A pochi chilometri ci sono i colossi del commercio internazionale, eppure sembra quasi di trovarsi in un altro mondo. La strada è aperta al traffico e i veicoli si fanno largo tra le carcasse di vecchi mobili e di elettrodomestici, prestando attenzione a chi proviene dalla corsia opposta ma anche ai pedoni. Capita di frequente, infatti, di incrociare i residenti del campo che attraversano la strada. 

Nel corso degli anni, è stato posto più volte l’accento sulla situazione di degrado e di abbandono dell’area. La poca visibilità rende pericolosa la percorrenza dell’area. Si temono, inoltre, roghi tossici perché i cumuli di rifiuti potrebbero finire in fiamme in qualsiasi momento scatenando un disastro ambientale di proporzioni enormi. 

Video

Da qualche giorno, la comunità rom ha intrapreso una sorta di pulizia della zona iniziando a liberare l’area dall’erba incolta. I cittadini, però, vogliono di più: «La Cantariello da anni è un pericolo per la circolazione, oltre che una vera e propria emergenza sanitaria e un’offesa alla dignità umana». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA