Sant'Antimo: ecco il centro antiviolenza dedicato ​a Giulia Tramontano

L’iniziativa rientra nell'ambito de "La città invisibile": rassegna di eventi, musica, cultura e arte

eventi culturali a Sant'Antimo dal 3 Maggio al 6 Giugno 2024
eventi culturali a Sant'Antimo dal 3 Maggio al 6 Giugno 2024
Lunedì 20 Maggio 2024, 17:05 - Ultimo agg. 21 Maggio, 23:02
2 Minuti di Lettura

Sarà inaugurato martedì 21 maggio 2024 alle ore 12 al Comune di Sant'Antimo, in via Roma 168, il nuovo Centro antiviolenza intitolato a Giulia e Thiago Tramontano, uno spazio di ascolto e aiuto per tutte le donne vittime di violenza e soprusi; un luogo più accessibile e riservato rispetto agli attuali uffici,  che sarà abbellito e reso più accogliente grazie all’intervento artistico della muralista Trisha Palma.

L’iniziativa rientra nell'ambito de "La città invisibile" rassegna di eventi, musica, cultura e arte, finanziata da Città metropolitana di Napoli tra i progetti culturali per la definizione del ”Cartellone degli Eventi Metropolitani 2023-2024, che fino al 6 giugno animerà le vie del comune di Sant’Antimo. 

L’iniziativa promossa dalla Commissaria straordinaria la viceprefetta Gabriella D’Orso, insediatasi lo scorso giugno dopo lo scioglimento dell’organo consiliare, e dal suo gruppo di lavoro di sole donne composto dalle sub commissarie Maria Rosaria Picardi, Corinne Palumbo e Mariagrazia Cerciello, mira a offrire una nuova prospettiva su un territorio tristemente afflitto da vicende di cronaca, come nei casi di Giulia Tramontano e Brigida Pesacane, ma che ha un forte senso di orgoglio e appartenenza territoriale e un ricco patrimonio da valorizzare.

Ricominciare dalla cultura, dal confronto e dalla condivisione offrendo un cartellone ricco di eventi e appuntamenti per favorire l’incontro e la socialità e per aprire uno squarcio sul lavoro dei funzionari prefettizi chiamati a risanare situazioni critiche, ma che al contempo possono fungere da collante tra le Istituzioni e territorio, favorendo processi culturali e di infrastrutturazione sociale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA