Unione industriali Napoli e Banca di credito popolare, patto per il rilancio delle imprese locali

Venerdì 24 Settembre 2021
Unione industriali Napoli e Banca di credito popolare, patto per il rilancio delle imprese locali

Rilanciare il tessuto produttivo locale, messo a dura prova dall’emergenza pandemica, e favorirne la ripresa. E’ questa la finalità prioritaria dell’intesa tra Unione industriali Napoli e Banca di credito popolare (Bcp), firmata oggi dal presidente Unione industriali Napoli Maurizio Manfellotto, dal vice-presidente con delega al credito e finanza Uin Anna del Sorbo e dal direttore generale della Bcp Felice Delle Femine.

In base all’accordo, Bcp conferma la disponibilità, già dichiarata nel protocollo d’intesa sottoscritto con l’associazione imprenditoriale il 19 maggio 2020, a riconoscere alle imprese iscritte all’Unione industriali Napoli un iter preferenziale per la tempistica delle risposte e l’accessibilità a condizioni agevolate su prodotti e servizi finanziari offerti dalla banca.

Video

Per favorire la crescita e la competitività delle piccole e medie imprese, Bcp offrirà strumenti di finanza strutturata, percorsi di rafforzamento delle garanzie, gestione per lo smobilizzo di crediti verso la pubblica amministrazione. Renderà inoltre disponibili alle aziende associate all’Unione strumenti e soluzioni per attivare o supportare percorsi orientati alla sostenibilità e alla green economy, nonché per valorizzare l’innovazione e l’internazionalizzazione.

Le condizioni saranno fruibili presso tutte le filiali della banca. Gli iscritti all’Associazione potranno inoltre contattare lo sportello credito di Unione industriali Napoli e le strutture centrali di Bcp attraverso una mail dedicata, potendo interloquire con un referente specialist.

«Questo accordo rientra in una strategia dell’Associazione finalizzata a definire rapporti sempre più funzionali con il mondo del credito. Tra i nostri obiettivi rientrano la promozione dell’utilizzo dei servizi bancari, migliorandone le condizioni di accesso in favore delle imprese associate, la diffusione di maggiore informazione e conoscenza sulla strumentazione finanziaria disponibile per agevolare il conseguimento degli obiettivi aziendali, il sostegno alle imprese perché affrontino nei tempi e nei modi più opportuni la transizione digitale ed ecologica verso uno sviluppo sostenibile». Commenta così Maurizio Manfellotto, presidente Unione industriali Napoli:

LEGGI ANCHE Il gruppo Louis Vuitton assume 25mila 

«Il credito e la finanza rappresentano temi importanti per consolidare la ripresa, soprattutto di fronte alla necessità di sostenere e accelerare gli investimenti privati, in particolare nel comparto manifatturiero. Relazioni più strette e consolidate sul territorio con gli Istituti bancari e l’utilizzo più efficiente dei servizi bancari, ci permetteranno di migliorare le condizioni di accesso al credito e a nuovi strumenti di finanza innovativa in favore delle imprese associate. C’è bisogno di fare sistema, sviluppando sinergie a ogni livello», le parole di Anna Del Sorbo, vicepresidente Uin al credito e finanza.

Infine Felice delle Femine, direttore generale Bcp: «L’accordo sottoscritto oggi con l’Unione industriali di Napoli è un’ulteriore testimonianza dell’impegno della nostra banca verso le imprese del territorio, in linea con la nostra mission, sostenuta dal grande senso di responsabilità che profondiamo ogni giorno.

L’emergenza sanitaria ci ha sottoposto ad uno stress test non da poco ma, nonostante le difficoltà, le Pmi hanno saputo reagire alla crisi e creare le condizioni per la ripartenza.

Oggi per accelerare il rilancio e affrontare le nuove sfide è necessario intraprendere un nuovo percorso, orientandosi alla sostenibilità, ben considerando le opportunità rivenienti dal Pnrr. L’accordo prevede una serie di strumenti per sostenere la ripartenza degli investimenti, indispensabili per una fase di crescita duratura, offrendo soluzioni innovative anche per lo smobilizzo di crediti della pubblica amministrazione».

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 10:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA