Barra, pericoli sulle facciate
dell'ex polifunzionale: degrado choc

Martedì 14 Settembre 2021 di Alessandro Bottone
Barra, pericoli sulle facciate dell'ex polifunzionale: degrado choc

Degrado e pericoli segnano da tempo l'ex centro polifunzionale in piazza Bisignano a Barra, quartiere nella periferia orientale di Napoli, proprio di fronte Villa Roomer, una delle ville vesuviane di Napoli Est. In queste ultime settimane la situazione è nettamente peggiorata: diverse lastre in pietra si sono staccate dalla parete della struttura comunale e altre sono in pericolo di crollo sul marciapiede e sulla carreggiata lungo via Nicola Stigliola.

Non è l'unico pericolo cui prestare attenzione. Ancora una volta il muro del bene pubblico è stato danneggiato così da creare un varco nel tratto che affaccia su piazza Bisignano: è una via di accesso al fatiscente edificio e l'ennesimo spazio utile allo sversamento illecito di rifiuti, specie di ingombranti. Diversi tossicodipendenti, così come coppiette e giovanissimi, si intrufolano spesso nell'immobile ormai sventrato di tutto e danneggiato.

Delinquenti e incivili non hanno risparmiato nemmeno il palo della pubblica illuminazione a due passi dall'ex polifunzionale: la lampada, recentemente installata, è stata danneggiata e resta penzolante. A completare il desolante quadro è la spazzatura che accerchia tutta la struttura. Sono tutte circostanze evidenziate in una nota indirizzata agli uffici comunali e ad altri organi competenti da un cittadino del quartiere di Napoli Est con la richiesta di attivarsi per evitare pericoli alle persone vista la mancanza di segnali e altri rimedi.

 

L’ex polifunzionale di Barra - che in passato ha ospitato uffici comunali e realtà associative – necessita di importanti interventi di messa in sicurezza, recupero e riqualificazione e, quindi, occorrono migliaia di euro dalle casse comunali. Al momento non c'è alcun progetto in tal senso: dunque, la struttura è destinata a restare in condizioni pietose ancora per molto, negata ai cittadini e alla realtà che lavorano sul territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA