Borsa Mediterranea del Turismo, in vetrina la Campania che fa sognare

di Cristina Cennamo

Ventitreesima edizione per la Borsa Mediterranea del Turismo, il principale marketplace di primavera proposto dal mercato italiano agli operatori di settore che torna alla Mostra d’Oltremare per garantire al pubblico delle agenzie di viaggio l’opportunità di incontrare protagonisti della scena turistica e consolidare quindi rapporti e scelte per la stagione in arrivo.

Da venerdì 22 a domenica 24 marzo infatti, la manifestazione organizzata da Progecta riproporrà il tradizionale schema con l’area espositiva riservata a tutto quanto fa turismo, dai tour operator alle start up impegnate soprattutto nello sviluppo di nuove tecnologie utili sia alle aziende del settore che ai viaggiatori. Anche quest’anno l’area Incoming ospiterà quattro workshop di prodotto (Italia, Incentive & Congressi, Terme e Benessere, Turismo Sociale) che rappresenteranno un’opportunità unica per mettere in vetrina l’offerta turistica italiana e della Campania in particolare.

I 23 anni di vita della borsa promossa da Progecta sono coincisi con due importanti decenni di crescita dell’incoming, e chi vuole operare con il prodotto Campania non può fare a meno di questo appuntamento. La regione sarà quindi uno dei prodotti su cui si poserà maggiormente l’interesse dei compratori esteri presenti, proprio per la possibilità di toccare con mano l’offerta di una delle principali destinazioni del turismo mondiale che può vantare mete come Ischia, Capri e Procida, la costiera sorrentina ed amalfitana, il litorale domitio ed il Cilento così come le aree interne. L’attenzione s’incentrerà poi sulle altre aree del Meridione, con la presenza in fiera di stand istituzionali delle Regioni del Mezzogiorno con cui BMT lancerà anche il «Gran Tour del Sud»  dedicato alle destinazioni protagoniste, tra cui Matera 2019 Capitale Europea della Cultura, evento clou per il turismo dell’Italia meridionale.

Dal Mezzogiorno al Nord Italia, anche la presenza del Trentino Alto Adige è ormai una tradizione per BMT. Il rapporto con la Campania è storico ed è stato rilanciato dalla presenza del Calcio Napoli nella regione dolomitica per i ritiri precampionato, con la partecipazione diretta quest’anno degli operatori incoming e delle Apt locali che prevedono un focus sulla vacanza estiva plein air.

Altre due regioni amate dagli italiani del centro sud sono poi l’Emilia Romagna e l’Umbria, presenze consolidate in fiera così come la Toscana, rappresentata dalla Camera di Commercio di Pisa e dalle Strade del Vino. Accanto a loro è da segnalare il debutto di San Marino, meta naturale di chi trascorre le vacanze sulla riviera adriatica, mentre nell’area Incoming si svilupperà l’offerta anche dei nuovi trend di mercato come l’extralberghiero con le associazioni di B&B ed affittacamere.

Ai tavoli dei workshop Incoming, la presenza della domanda estera sarà assicurata invece da circa 120 buyers di diverse provenienze, sia da mercati tradizionali che nuovi: Germania , Francia, Gran Bretagna, Spagna  Portogallo, Russia, Austria, Repubblica Ceca,  Ungheria,  Giappone, Cina, Brasile, Argentina, India ed Emirati Arabi. A queste si aggiungeranno quelle dei buyers in arrivo da Olanda, Israele e Svizzera che saranno a Napoli per la prima volta mentre saranno in aumento i rappresentanti dei Paesi Scandinavi e degli Stati Uniti che alla BMT ormai sono di casa e che potranno a loro volta prendere parte all’educational per operatori stranieri che seguirà la loro partecipazione alla borsa.

Il workshop Incentive e Congressi infine vedrà protagonisti 25 meeting planner internazionali già in procinto di programmare eventi per il 2019/2020, mentre il workshop Turismo Associato e Cral ospiterà i rappresentanti di un mercato che muove grossi gruppi anche fuori stagione, utili per la destagionalizzazione.
Venerdì 22 Febbraio 2019, 10:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP