Carnevale 2020, a Napoli sfilano Borrelli, il parcheggiatore abusivo e la signora che butta la spazzatura fuori orario

Domenica 16 Febbraio 2020 di Gennaro Morra
Bimbi travestiti da Borrelli, parcheggiatore abusivo e signora sciatta e incivile
Ormai a Napoli per Carnevale sembra si faccia a gara nell’inventarsi il travestimento più originale per i propri figli. Messi in soffitta i costumi di supereroi e personaggi delle favole, la creatività dei napoletani è sempre più ispirata dalla realtà che li circonda. E se l’anno scorso avevano fatto discutere la bimba-prostituta, il bambino-deportato o la piccola coppia travestita da Fabrizio Corona e Silvia Provvedi, quest’anno la scelta di qualcuno di far sfilare i loro ragazzini nei panni del consigliere regionale, Francesco Emilio Borrelli, di un parcheggiatore abusivo e di una donna sciatta e incivile, sembra raccogliere più consensi che critiche.
 

Lo stesso Borrelli ha accolto con favore la rappresentazione ironica delle sue battaglie: «Ringrazio i genitori dei due simpatici bimbi per avermi inviato queste foto e per la dedica che mi hanno lasciato: "Piccoli Borrelli crescono". L'ho trovata un'iniziativa simpatica – scrive su Facebook l’esponente dei Verdi –. Quello che però ritengo più importante è che da un lato i genitori riescano a trasmettere ai loro figli i valori della civiltà, del rispetto delle regole e dell'amore per la propria città e per l'ambiente che li circonda. Dall'altro che i due bambini, in questo modo, comunichino il medesimo messaggio di civiltà ai loro coetanei».

LEGGI ANCHE Napoli, il Carnevale del '700

Insomma, il piccolo Borrelli, che sfila per le strade di Napoli con il baby parcheggiatore abusivo e la signora-bambina che in vestaglia e pantofole getta la spazzatura fuori orario, sembra essere stato accolto con simpatia, conferendogli un messaggio positivo. Resta, però, la perplessità nel vedere bambini indossare costumi che si fatica a immaginare siano una loro scelta. Un travestimento di Carnevale dovrebbe sbizzarrire la fantasia dei più piccoli, che per un giorno possono sognare di essere un principe, una fata o un personaggio con super poteri in grado di sconfiggere il male. E, invece, in questo modo si proiettano su di loro problemi quotidiani che dovrebbero riguardarli fino a un certo punto, snaturando una festa che dovrebbe favorire la fuga dalla realtà. In altre parole: va bene l’educazione civica impartita ai più piccoli, ma almeno a Carnevale lasciamo che i bambini siano liberi di diventare ciò che vogliono. © RIPRODUZIONE RISERVATA