Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Castel dell'Ovo, il ministro Franceschini: «Previsto progetto di restauro da 8 milioni»

Mercoledì 11 Maggio 2022
Castel dell'Ovo, il ministro Franceschini: «Previsto progetto di restauro da 8 milioni»

Per il restauro, la riqualificazione e la valorizzazione di Castel dell'Ovo a Napoli con il borgo marinari è in arrivo un progetto di restauro e valorizzazione per 8 milioni di euro che nasce da un accordo tra ministero della cultura e comune di Napoli.

Lo ricorda al question time il ministro della cultura Dario Franceschini. Sollecitato da una interrogazione di Leu che descriveva le condizioni di degrado del complesso monumentale napoletano, Franceschini spiega che l'accordo in itinere tra ministero comune, che verrà «chiuso in tempi brevi», prevede al suo interno una delibera adottata dal comune di Napoli il 30 dicembre del 2021 che prevede 8 milioni di euro a valere sul piano sviluppo e coesione della città di Napoli per la riqualificazione e valorizzazione di Castel dell'Ovo.

Video

«Naturalmente sono previsti lavori di restauro di conservazione di risoluzione di problemi urgenti, ma anche che si inseriscono in un progetto successivo puntato alla valorizzazione del luogo», fa notare il ministro segnalando che a questo riguardo «è già stata stata avviata la procedura di gara per l'affidamento della progettazione esecutiva degli interventi da fare». L'accordo di valorizzazione, prosegue Franceschini, «assicurerà poi la piena valorizzazione di Castel dell'Ovo». Nell'ambito di questo progetto, aggiunge, «un disegno particolare lo richiede Borgo Marinani che come molti altri luoghi italiani io credo vada valorizzato e difeso insieme perché bisogna evitare che grandi flussi turistici ne tolgano la autenticità e la verità del luogo come molto spesso accade quando i flussi aumentano».

Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 06:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA