Costa Crociere, primo sbarco a Napoli per la Costa Firenze nel suo viaggio inaugurale

Martedì 6 Luglio 2021 di Emma Onorato
Costa Firenze

Costa Firenze inizia il suo viaggio inaugurale, la nuova nave della flotta di Costa Crociere - consegnata da Fincantieri nel dicembre 2020 - imbarca a Savona i primi passeggeri e all’alba di questo martedì sbarca a Napoli.

È la gemella di Costa Venezia - entrambe appartengono alla compagnia marittima Costa Crociere - ed è ormeggiata nel porto di Napoli. Da qui la vista è direttamente sul Maschio Angioino e il direttore generale di Costa Crociere, Mario Zanetti, afferma che non a caso è stato scelto di fare sbarco proprio a Napoli: «Napoli è una delle tappe storiche, per noi è un porto che ha rappresentato tanto negli anni e contiamo, e lavoriamo, affinché continui a essere un punto focale dei nostri itinerari. È una destinazione molto apprezzata dai nostri ospiti, sia italiani che stranieri, oltre ad essere un importante porto d'imbarco, per cui non è casuale che Costa Firenze, nel suo viaggio inaugurale, abbia fatto scalo a Napoli». 

Ispirata al Rinascimento fiorentino, un chiaro auspicio che richiama alla ripresa e alla rinascita del paese. Costa Firenze appare come una città d’arte sul mare; con le sue gallerie artistiche, si ha come l’impressione di iniziare il viaggio esplorativo già a bordo: «La nave è stata costruita in Italia ed è ispirata ad uno dei momenti probabilmente più iconici e importanti della storia del nostro paese: il Rinascimento - continua Zanetti - l'ispirazione è la città di Firenze: un'icona di bellezza, di qualità della vita, di arte, e noi abbiamo cercato di riproporne l'atmosfera a bordo per incastonare un prodotto basato sullo stile di vita italiano: dal cibo all'intrattenimento e alle opportunità di animazione che questa nave offre».

Si segue in modo ligio la prassi legata ai protocolli di sicurezza anticontagio da Covid-19 e Zanetti dichiara: «I nostri protocolli sono un documento vivo che evolve con l'evolvere della pandemia, quindi in continua revisione, ma sempre con la priorità di garantire la sicurezza dei nostri ospiti e colleghi che lavorano a bordo». Si presta particolare attenzione anche alla sicurezza dei passeggeri durante le escursioni, dove vige il concetto di escursione in bolla, vale a dire con percorsi e attività ben definite ma, da quanto dichiara dil direttore generale di Costa Crociere, si conta di dare più flessibilità anche alle escursioni - come alle attività di acquisto in loco che al momento sono legate a dei contratti commerciali di partenariato annessi a protocolli di sicurezza anticontagio - in funzione di quello che i nuovi protocolli possono prevedere. 

Video

Costa Firenze sarà una perfetta ambasciatrice dello stile italiano nel mondo con la sua rotta internazionale: il tour partirà in autunno e, facendo tappa a Dubai, rappresenterà l’Italia in occasione dell’Expo: «Costa Firenze, come tutte le navi che costruiamo di ultima generazione, ha a disposizione le tecnologie più avanzate per la riduzione sull'impatto ambientale e proprio su questi temi la nave porterà il proprio contributo a Dubai, opererà nell'itinerario degli Emirati Arabi; abbiamo partnership con l'Expo e il padiglione Italia: quello sarà un momento di discussione sul futuro del turismo e della sostenibilità», conclude.

Tomaso Cognato, Ceo e General Manager Terminal Napali S.p.A., si mostra soddisfatto della ripartenza: «Finalmente abbiamo ripreso, anche se l'attività terminalistica è partita addirittura in piena pandemia: siamo probabilmente uno dei primi terminal crocieristici ad avviare le attività, proprio con Costa alla metà di agosto dell'anno scorso. Oggi per la prima volta abbiamo due navi che in contemporanea fanno operazioni di sbarco passeggeri e transiti e quindi la Stazione Marittima sta riprendendo vita pian piano». Sono stati elaborati una serie di protocolli - oltre ad essere stati eseguiti alcuni lavori all'interno del terminal -  che Cognato rassicura a prova di sicurezza per il  contenimento della pandemia e aggiunge: «Il 2022 al momento è sicuramente positivo, anche se i risultati più concreti e analoghi a quelli del 2019 li avremo probabilmente non prima del 2023. Le navi credono nel terminal, e in Napoli come destinazione, e quindi siamo nuovamente pronti a ricevere tutti i turisti. Non siamo mai andati via, siamo sempre rimasti qui per dare il benvenuto a chiunque voglia venire a Napoli per apprezzare le sue bellezze». 

A guidare Costa Firenze è il comandante di origine greche: Sklavos Sokratis, che seguirà la rotta della dorsale tirrenica e i prossimi sbarchi saranno: Palermo, Catania e Cagliari, per poi riprendere il tour da Savana. Con grande orgoglio viene presentato il Manifesto di Costa Crociere che rispetta un codice - di dieci punti - per una valorizzazione del turismo più sostenibile e inclusivo. Alessandra Clemente, assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli commenta: «Grazie al gruppo Costa per essere nella nostra città. Abbiamo firmato con grande forza il manifesto che trasmette quell'idea di comunità, di artigianato e di profonda consapevolezza anche delle ricchezze dei luoghi del nostro paese. Su questo la città di Napoli sta lavorando tantissimo con il suo city brand: We are Napoli, con la sua voglia di darci appuntamento, perché no, tra qualche mese per una Costa Napoli», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA