Degrado a Napoli, il dormitorio dei clochard nel palazzo pericolante: «Non possiamo vivere così»

Giovedì 29 Luglio 2021 di Oscar De Simone
Degrado a Napoli, il dormitorio dei clochard nel palazzo pericolante: «Non possiamo vivere così»

È una vera bomba ecologica l'edificio abbandonato in vico del Vasto a Casanova. Una struttura fatiscente e trasformata in discarica e baraccopoli abusiva dai disperati del quartiere. Un luogo malsano, abitato anche da blatte e grossi ratti che spesso entrano nei palazzi e nei negozi adiacenti. Dove i pericoli sono dietro l'angolo e dove i cittadini temono ogni giorno per la propria incolumità. 

«Non ce la facciamo più a vivere così – affermano i residenti – tra ubriaconi, spazzatura e roditori. Ogni sera vediamo i clochard che dopo aver bevuto urlano, si denudano o litigano tra loro. Uno spettacolo indecente a cui siamo stanchi di assistere e che osservano increduli anche i nostri figli. Ci troviamo i topi nel palazzo e questo aumenta i pericoli a cui siamo esposti. Ma non solo. Dopo il tramonto è praticamente impossibile scendere di casa perchè siamo isolati da un buio completo». 

Video

Una condizione di invivibilità che più volte gli abitanti della zona hanno descritto agli amministratori locali che però, non sono mai riusciti ad intervenire. «Lo scorso giugno abbiamo fatto presente le condizioni di questo stabile alla sicurezza abitativa all'assessorato all'ambiente, alla protezione civile ed all'Asia – affermano il consigliere della IV Municipalità Andrea Cristiani e la presidente del Comitato quartiere Vasto Adelaide Dario – Proprio dalla sicurezza abitativa, però, ci è stato risposto che non è possibile ripulire la zona per mancanza di personale tecnico. Abbiamo le mani legate. La mancanza di uomini da poter impiegare in servizi come questo espone tutta la città a gravi pericoli. Ci sono situazioni, come quella del vico Casanova su cui bisogna intervenire urgentemente e senza possibilità di rinvio. L'edificio è pericolante e in diversi punti sta già cedendo. Non agire subito vuol dire aumentare le criticità statiche ed igienico-sanitarie».

Ultimo aggiornamento: 21:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA