Disney store via Toledo chiude i battenti: dal 4 ottobre 23 dipendenti senza lavoro

Venerdì 1 Ottobre 2021
Disney store via Toledo chiude i battenti: dal 4 ottobre 23 dipendenti senza lavoro

Come annunciato lo scorso 21 maggio i 15 Disney store in Italia, come nel resto d'Europa e in Nord America, chiuderanno i battenti. La società californiana infatti ha deciso di puntare unicamente sulle vendita online essendo l'e-commerce più conveniente e in forte crescita rispetto alla vendita negli store.

In Campania dopo la chiusura del negozio nel centro commerciale Campania di Marcianise dello scorso 27 settembre, seguirà quella dello storico store di via Toledo che avverrà il 4 ottobre, dopo 21 anni dall'inaugurazione.

A perdere il posto di lavoro saranno 23 dipendenti a Napoli, 13 quelli dello store di Marcianise e ben 240 in tutta Italia.

Video

Sulla vicenda è intervenuto il consigliere regionale Diego Venanzoni, il quale ha presentato un'interrogazione all’assessore regionale Antonio Marchiello.

«La decisione di chiudere la catena di retail dei Disney store è un duro colpo e per i lavoratori – sottolinea Venanzoni – è arrivato del tutto inaspettatamente e peraltro in un momento di forte crisi per le famiglie a causa della pandemia del Coronavirus».

«Un negozio come quello sito in via Toledo – prosegue il consigliere regionale – che dava lustro alla via dello shopping e rappresentava un’attrattiva per i numerosi turisti che negli ultimi anni hanno scelto Napoli. Si stimano, infatti, circa 600 mila ingressi annui nel periodo prepandemico. Chiedo dunque di individuare una soluzione per le 36 famiglie coinvolte».

LEGGI ANCHE Statali, 200 milioni per scatti e promozioni 

Anche il segretario generale Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci, ha commentato la chiusura dello store: «La decisione di chiudere il Disney store di Napoli rappresenta una pugnalata alle spalle per i dipendenti. Il prezzo della pandemia non devono pagarla i lavoratori. Una catena internazionale come Disney che decide di chiudere e licenziare per favorire l’e-commerce è quanto di più sbagliato ci possa essere nelle politiche economiche e commerciali di questo Paese. Noi saremo al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori dello store di Napoli. E’ solo l’inizio della battaglia per difendere questi posti di lavoro. No all’acquisto dal divano di casa, si al mantenimento dei posti di lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA