​Don Mimmo Battaglia nuovo vescovo di Napoli: l'appello alla speranza e la citazione di Pino Daniele

Martedì 2 Febbraio 2021
Don Mimmo Battaglia nuovo vescovo di Napoli: l'appello alla speranza e la citazione di Pino Daniele

Ha detto che non ama definirsi un «prete di strada» ma che vorrà camminare per strada per accorgersi di chi resta indietro. Dalle strade delle periferie più abbandonate, dai luoghi della sofferenza ha voluto iniziare oggi il suo ministero episcopale a Napoli ancora prima di insediarsi ufficialmente alla guida della diocesi partenopea.

 

Una scelta - quella dell'arcivescovo Domenico Battaglia, che succede al cardinale Crescenzio Sepe - che vale molto più di mille parole, annunciando che la Chiesa di Napoli sarà sempre di più missionaria. 

La giornata di Battaglia, 57 anni, calabrese di origine ma fino al 12 dicembre vescovo della piccola diocesi di Cerreto Sannita (appena 90mila abitanti) è cominciata molto presto con una preghiera nel convento di clausura delle Sacramentine. Poi subito dopo ha voluto toccare e visitare la città con l'incontro con i familiari di un vigilantes ucciso, anni fa, da alcuni ragazzi; quindi ha voluto ascoltare le parole di una ragazza nigeriana giunta in Italia dopo un viaggio di sfruttamento e violenza, poi ammalatasi di Aids. E ancora è stato a casa di un operaio dello stabilimento napoletano della Whirlpool, e a San Giovanni a Teduccio nell'associazione «Figli di Maria». E con alcuni di loro ha voluto fare l'ingresso in cattedrale dove era assente il suo precedessore, il cardinale Sepe, perchè ancora convalescente dopo il covid. 

Video

Ma per Battaglia l'imperativo, negli anni che lo vedranno alla guida della più grande diocesi del Sud, dovrà essere quello di riorganizzare la speranza consapevole che da oggi, ha detto nel corso dell'incontro con le autorità, «inizia un nuovo tratto di strada ed il mio desiderio più grande è quello di poterci riappropriare della capacità di sognare insieme» soprattutto in un tempo, come quello dell'emergenza Covid, che ha «finito per aumentare le diseguaglianze e con esse le tensioni sociali».

All'incontro con le autorità, oltre al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e al governatore della Campania, Vincenzo De Luca, erano presenti anche i ministri Enzo Amendola e Gaetano Manfredi. Battaglia ha detto che «proprio oggi qui a Napoli dobbiamo dissodare insieme, perché se davvero abbiamo intenzione di riappropriarci del sogno sappiamo molto bene che è necessario tornare a ragionare in termini di noi, dobbiamo ricominciare a ragionare al plurale». 

Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio, 00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA