Festa al Policlinico di Napoli: arriva la «Befana dei prematuri»

di Paola Marano

Al Policlinico Federico II la «Befana dei prematuri», come ormai da tradizione, arriva il giorno prima. Si è svolta stamattina la tradizionale festa, giunta alla dodicesima edizione, organizzata dalla Associazione Soccorso Rosa Azzurro Onlus. Come ogni anno la mattinata ha previsto la visita ai piccoli guerrieri ricoverati nel reparto di terapia intensiva neonatale del Policlinico federiciano da parte delle autorità, a cui ha preso parte anche i sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

 «Un’iniziativa durante la quale si riesce a percepire il grande cuore e la grande umanità di questa città oltre che competenza e professionalità – ha sottolineato il primo cittadino - partecipo sempre per esprimere gratitudine a chi lavora in reparto e a chi dedica la propria vita per aiutare i più fragili. I bimbi sono tutti uguali, è questo il messaggio potente dell’umanità . Non si possono distinguere i bambini in base alla loro provenienza e al loro colore. È molto bello che anche questo posto, come la città, li accoglie tutti senza distinzioni».

L’arrivo del nuovo anno porta con sé anche il bilancio della Tin (terapia intensiva neonatale, ndr) relativo ai numeri del 2018: sono 2.480 i bambini nati, numero che attesta il reparto  come primo centro per nascite in Campania. 377 sono stati i ricoveri ordinari ad alta complessità su 20 posti attivati) con 95 neonati dal peso inferiore ai 1500 grammi alla nascita. Il sopravvissuto più giovane aveva invece l’età gestazionale di 22 settimane. Sono 710 trasporti neonatali di emergenza e la tin ha registratoun 100% di ritorno al programma di sorveglianza e prevenzione dei disturbi di sviluppo neuro evolutivo che coinvolge i bimbi dimessi nei primi 24 mesi di età. 
 

Risultati frutto di un intenso lavoro, reso possibile grazie alla stabilizzazione di molti operatori. «Oltre ad aver assunto una ventina di neonatologi e 80 l’anno scorso, finalmente saremo in grado nel 2019 di assumere a tempo indeterminato altri infermieri, risolvendo il problema del precariato anche in altri reparti – ha annunciato il direttore amministrativo dell’ospedale Natale Lo Castro - Nel corso degli ultimi dieci anni l’intero  Policlinico ha perso nel corso degli ultimi dieci anni almeno un migliaio di operatori, quasi un terzo del personale era di fatto venuto meno».
 
Dopo la visita hanno avuto inizio i festeggiamenti nell’aula magna di biotecnologie con gli ex prematuri assistiti e i loro genitori, intrattenuti con giochi, musica e dolci. Alla festa hanno partecipato, tra gli atri, il Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’ Università Federico II Luigi Califano, il Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Napoli Amedeo Manzo, l’attore dei Bastardi di Pizzofalcone Gennaro Silvestro, protagonista di una scena della serie girata proprio all’interno del Tin. Ad intrattenere i piccoli e i loro genitori il teatrino di Ole ed Ilvia e la musica di Luciano Martucci, Lilia Iodice, Daniela Schioppa, Wanda Candida ed Antonella Di Nuzzi.

«È una giornata di festa perché oggi risuciamo arivedere tutti i bimbi che abbiamo conosciuto in circostanze drammatiche cresciuti, felici  - ha commentatao Francesco Raimondi, direttore della terapia intensiva neonatale del Policlinico - così come è bello rivedere i loro genitori che con noi hanno passato settimane, a volte mesi, di gioia e preoccupazione». 
Sabato 5 Gennaio 2019, 18:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP