Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Città green, Napoli ultima in classifica: lontanissima da mobilità a emissioni zero

Giovedì 24 Febbraio 2022
mobilità

Napoli è all'ultimo posto su 36 grandi città europee nella classifica su mobilità urbana e qualità dell'aria della campagna Clean cities, promossa da ong, associazioni e think tank ambientalisti tra cui Legambiente, Cittadini per l'aria e Kyoto club, transport and environment. E anche le altre metropoli italiane analizzate sono a fondo classifica: Milano al 20esimo posto; Torino al 23esimo e Roma al 32esimo. «Le città italiane potevano uscire dalla pandemia trasformate in meglio: meno inquinamento dell'aria, meno auto in circolazione, più bici e trasporto pubblico. Purtroppo non hanno raccolto la sfida e spesso hanno fatto passi indietro», afferma Claudio Magliulo di Clean cities Italia.

Anche le città più virtuose non sono state promosse a pieni voti e sono lontane dal raggiungere una mobilità a emissioni zero entro il 2030. Oslo che è al primo posto della classifica, ha un punteggio solo del 71,5%, Amsterdam è seconda con il 65,5%. Helsinki terza con il 64,2%. Milano, prima tra le italiane si ferma a 51,1%, Napoli è la peggiore con 37,8%. Tra le variabili considerate nel rapporto, che è intitolato «Pan-European city rating and ranking on urban mobility for liveable cities», ci sono sono, tra gli altri, lo spazio urbano dedicato a pedoni e biciclette; l'accessibilità ed economicità del trasporto pubblico locale; l'infrastruttura per la ricarica dei veicoli elettrici; le politiche di riduzione del traffico, dei veicoli inquinanti e l'offerta di servizi di sharing mobility.

Video

Alcune città europee hanno dimostrato che «si può reinventare lo spazio urbano nel tempo di una stagione», osserva Magliulo: Parigi, al quinto posto, «ha ad esempio investito nella riduzione drastica del traffico veicolare e nella promozione della mobilità pedonale e ciclistica». Il responsabile mobilità di Legambiente, Andrea Poggio, rivolge un appello ai sindaci: «Misuriamoci con l'obiettivo di dimezzare auto e inquinamento e raddoppiare tram e treni, fermare i diesel e promuovere elettrico, biciclette e monopattini, ridisegnare e ridurre la velocità a 30 km/h nell'80% delle strade».

La presidente di Cittadini per l'aria, Anna Gerometta, aggiunge: «Le mappe dell'inquinamento da biossido di azoto di Milano, Roma e Napoli dipingono città dove il traffico la fa da padrone». La responsabile mobilità di Kyoto club, Anna Donati, conclude che «Questa è la dura lezione per le amministrazioni comunali italiane: serve visione, coraggio e determinazione costante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA