Green pass obbligatorio a Napoli, caos nei trasporti e turni last minute

Giovedì 14 Ottobre 2021 di Gennaro Di Biase
Green pass obbligatorio a Napoli, caos nei trasporti e turni last minute

Obbligo di green pass: Napoli nel caos. Disagi annunciati nei trasporti, con decine di autisti no-vax, nel ritiro dell'immondizia e nei servizi al cittadino. Da domani scattano infatti l'obbligo di certificato verde e i relativi controlli a campione per i dipendenti pubblici e privati. Il «caos riguarda specialmente le verifiche: non sono arrivate istruzioni precise su come regolarsi», fanno sapere dai sindacati. Sono un migliaio i dipendenti Eav, Anm, Asia e uffici no-vax che rischiano la sospensione prevista per chi non ha il pass anti-Covid. Si teme un boom di permessi per malattia.

Regna l'incertezza. E il malcontento. Anche sulle aziende pronte al controllo grava il grosso punto interrogativo di quanti lavoratori saranno effettivamente disponibili, e domani sarà un giorno di turni organizzati last-minute. «I controlli avverranno via smartphone spiega in proposito Umberto De Gregorio, presidente di Eav Speriamo che presto la procedura sia automatizzata con la firma del cartellino, ma il decreto è arrivato solo l'altro ieri. Ieri sera sono arrivate comunicazioni di tanti dipendenti che si stanno procurando il green pass. Altri invece faranno il tampone. Vedremo domani se qualche furbetto non si darà malato per aggirare il problema, ma contiamo di gestire la situazione». Si rischia la beffa dei certificati medici, a giustificare assenze impreviste e estemporanee. «Abbiamo pianificato le cose come da decreto aggiunge Maria de Marco, presidente di Asia, azienda già in difficoltà nel ritiro in questi giorni per carenze di personale A oggi ci risultano circa 100 dipendenti sprovvisti di green pass ma, vista la riservatezza dei dati sensibili, tutto ci sarà chiaro solo domani».

Video

I sindacati denunciano zone d'ombra nelle regole. Tra i dipendenti no-vax non manca chi vorrebbe temporeggiare fino a dicembre quando potrebbe terminare l'emergenza sanitaria così da evitare il siero. Gravi le ripercussioni per chi viene scoperto in servizio senza certificato verde: «In Anm e Ctp ci risulta che diverse decine di autisti siano sprovviste di green pass da vaccino dichiara Adolfo Vallini, sindacalista Usb E la ricaduta sul servizio è più che probabile. Chi dovesse essere scoperto al lavoro senza green pass incorrerà nella segnalazione alla Prefettura e in una multa da almeno 500 euro». Duro Agostino Anselmi, coordinatore di Cisl Fp: «Hanno scaricato il compito dei controlli sui dirigenti dice Domani sarà il caos. Lo Stato ha svariate decine di dipendenti con patologie esentati dal vaccino fino al 30 settembre da una norma del Governo. Il rinnovo dell'esenzione, però, non è arrivato. Da domani si andrà alla Carlona».

In subbuglio anche il privato, pieno di casi limite, come quello dei tassisti o dei lavoratori autonomi, che dovrebbero auto-controllarsi. «Duemila dei 30mila ristoranti campani e 20mila su 70mila imprese artigiane hanno dipendenti no-vax dice Vincenzo Schiavo, presidente di Confesercenti Campania Almeno per 5mila attività il rischio paralisi è alto». «La notizia dei green pass ha ridato un po' di fiato alle vendite - commenta invece Carla Della Corte, presidente di Confcommercio Napoli - Ogni azienda deve nominare un responsabile per il controllo».

Ultimo aggiornamento: 19:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA