Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Metro Linea 1, scale mobili e ascensori sostituiti entro l'inizio del 2023

Mercoledì 18 Maggio 2022
Metro Linea 1, scale mobili e ascensori sostituiti entro l'inizio del 2023

Vanno sostituiti entro inizio 2023 i cinquantatrè impianti, tra ascensori e scale mobili, delle stazioni della metropolitana collinare nella tratta Vanvitelli-Colli Aminei, che raggiungeranno la soglia di legge dei 30 anni. Salvo proroghe da parte del ministero delle infrastrutture e dei trasporti su richiesta dell'amministrazione, come auspica la commissione.

L'allarme per possibili disagi è stato lanciato oggi dalla commissione Infrastrutture, presieduta da Nino Simeone, che ha chiesto agli uffici tecnici comunali e all'amministratore di ANM Nicola Pascale chiarimenti su tempi e modalità degli interventi e sulle ricadute sulla mobilità cittadina. Diciassette milioni e mezzo di euro la spesa stimata, legata alla richiesta di rimodulazione del piano di investimento con la Banca Europea degli Investimenti; nel frattempo, è già stato predisposto un accordo quadro per suddividere gli interventi in due lotti. Entro fine mese, se tutto andrà secondo le previsioni, si potrà partire con le gare. Per le stazioni più superficiali, ha spiegato l'amministratore di Anm, gli interventi su ascensori e scale mobili non richiederanno la chiusura al pubblico, per quelle più profonde, invece, la chiusura sarà inevitabile.

Video

Aniello Esposito (Partito Democratico) ha espresso forti preoccupazioni rispetto al finanziamento della Banca Europea e ha criticato l'assenza di oggi dell'assessore alle Infrastrutture. Rosario Palumbo (Cambiamo!) ha proposto chiusure alternate di stazioni vicine per alleviare i disagi dei cittadini. Per Luigi Carbone ( Napoli solidale Europa Verde) i cittadini vanno opportunamente informati sull'utilità degli interventi per assicurare la loro collaborazione. Senza una proroga, secondo Gennaro Acampora (Partito Democratico), è meglio informare subito i cittadini dei disagi ai quali si andrà incontro nei prossimi mesi. Toti Lange (Misto) ha chiesto chiarimenti sui progetti presentati da ANM per ottenere finanziamenti dal pnrr. Alessandra Clemente (Misto) ha apprezzato l'illustrazione degli uffici tecnici e di Anm, sollecitando un immediato confronto con l'assessore Cosenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA