Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, agricoltura sostenibile a San Giovanni: lavori per le serre del parco Troisi

Mercoledì 4 Maggio 2022 di Alessandro Bottone
Napoli, agricoltura sostenibile a San Giovanni: lavori per le serre del parco Troisi

Nascerà a San Giovanni a Teduccio, quartiere nella zona orientale di Napoli, uno spazio per sperimentare tecniche e modalità sostenibili di agricoltura urbana. A ospitarlo sarà il parco comunale 'Massimo Troisi' al centro del quale insistono alcune serre da tempo abbandonate. Due di essere saranno recuperate dal Comune di Napoli che ha approvato uno specifico progetto grazie alle risorse pubbliche europee nell’ambito di Horizon 2020. Un primo passo per realizzare un luogo che rende protagonisti i cittadini in un processo di produzione di cibo sostenibile e verso sistemi alimentari innovativi.

L'opportunità di riqualificare le serre avviene, in particolare, con il progetto "FoodE - Food systems in European cities" che ha coinvolto gruppi di ricerca da tutto il mondo. A Napoli, in particolare, ha messo insieme i tecnici del Servizio 'Verde della Città' del Comune di Napoli e docenti, ricercatori e studenti del dipartimento di Agraria dell'Università Federico II. Le serre del parco di viale 2 Giugno sono attualmente in pessime condizioni per la mancanza di manutenzione da anni e per le intemperie. Con circa 55mila euro si procederà a rimettere in sesto una delle serre esistenti e un’area sormontata da travi in acciaio scoperte. La serra, di circa mille metri quadrati, sarà adibita alla coltivazione di piante in vaso e fuori suolo. Qui è necessario eliminare la vegetazione spontanea e rimuovere la copertura in vetroresina: quindi, si mette in sicurezza la struttura in ferro e si installano onduline in plastica trasparente. Altresì si ripristinano gli allacci alla rete idrica ed elettrica. L'area scoperta, di 1.200 metri quadrati, sarà utilizzata per la coltivazione di specie rampicanti e sarà trasformata in un piccolo spazio fieristico/espositivo. Gli uffici di Palazzo San Giacomo provvederanno ad affidare i lavori mediante trattativa diretta: sono necessari sessanta giorni per completare gli interventi previsti.

La rigenerazione di una parte delle serre del parco pubblico di Napoli Est è soltanto una tappa del progetto che si è posto l'obiettivo di realizzare un sistema di coltivazione che sia sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale. La sfida più generale, dunque, è arrivare a modelli di agricoltura urbana con cui rigenerare spazi abbandonati come quello di San Giovanni a Teduccio. Altri aspetti su cui insistere sono la sicurezza alimentare e un utilizzo attento e consapevole delle risorse naturali.

Su questi e altri elementi si sono confrontati gli studenti universitari del contest organizzato dall'Università di Bologna conclusosi a giugno scorso. Realizzate le serre sarà possibile immaginarne il loro utilizzo collettivo coinvolgendo residenti, studenti, realtà associative della periferia est di Napoli. La produzione di cibo per il mercato locale potrebbe aprire nuove e inedite opportunità di lavoro in un’area di Napoli che soffre particolarmente di disoccupazione, specie giovanile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA