Partita o zuppa di cozze: Napoli divisa tra due riti

di Antonio Menna

6
  • 531
Cozze, freselline, olio rosso ed Europa League. Quest'anno nella zuppa del giovedì santo c'è un ingrediente in più. Il pallone siede alla tavola dei dodici apostoli, dove i piedi si lavano prima di indossare gli scarpini chiodati. Proiezione partita e zuppa di cozze, annunciano i cartelloni pubblicitari. Impossibile scegliere. Tradizione o calcio? Tutt'e due. «Rispetteremo, come ogni anno, la sacralità della zuppa di cozze nella speranza che ci regali un sogno», dicono dalla salumeria Up-nea, centro storico di Napoli, a due passi dall'Università Orientale. Ritrovo amato dagli studenti per aperitivi e bevute serali, il giovedì di Pasqua si mette in tavola la tradizione ma senza perdere di vista il big match.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 17 Aprile 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 17-04-2019 12:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-04-17 12:26:10
ma la zuppa di cozze in un contenitore da asporto la fanno entrare in curva? Oppure se la prendono i poliziotti al filtraggio....
2019-04-17 12:09:58
zuppa di cozze e partita non si può fare? credo di si
2019-04-17 11:56:51
Secondo di coma andrà la partita deciderò se mangiarla oppure no.
2019-04-17 10:30:15
se deve essere tradizione mangiatela a casa davanti alla TV metre vi godete la partita che nei ristoranti quel giorno troverete solo caos e la qualità del pesce è sotto la media.
2019-04-17 08:56:06
... meglio la zuppa di cozze! visto che ieri abbiamo vinto la champions!

QUICKMAP