Covid a Napoli, il parroco di Barra ​ricoverato in ospedale: «Sto con l'ossigeno»

Martedì 26 Gennaio 2021 di Alessandro Bottone
Covid a Napoli, il parroco di Barra ricoverato in ospedale: «Sto con l'ossigeno»

Fedeli in preghiera per don Enzo Gallesi, parroco della chiesa di Maria Santissima di Caravaggio in corso Sirena a Barra, quartiere nella zona orientale di Napoli, che da alcuni giorni è ricoverato in ospedale per ricevere tutte le adeguate cure essendo stato contagiato dal coronavirus.

«Sto con l'ossigeno» ci spiega don Gallesi in un breve messaggio nel quale scrive: «Ringrazio tutti coloro che in questo momento mi sono vicini con tanto affetto e che elevano al Signore per me preghiere. Vi assicuro anche la mia. Vi voglio bene a tutti e a ciascuno». É un ringraziamento alle centinaia di persone che sulle pagine social, ma non solo, solidarizzano ed esprimono vicinanza per le sue condizioni di salute.

Nei giorni scorsi il parroco e il suo collaboratore hanno scoperto di essere positivi al covid-19. La parrocchia nel centro storico di Barra è stata subito chiusa al pubblico e riaprirà non appena il collaboratore risulterà negativo al tampone e dopo una operazione di sanificazione di tutti i locali, già normalmente eseguita come richiesto dai protocolli.

Video

«Invitiamo tutti a pregare per il nostro Parroco, don Enzo Gallesi. Supplichiamo il Signore Gesù e la Vergine di Caravaggio di farlo ritornare presto e riprendere la cura del popolo a lui affidato. Anche un semplice “Gloria” ogni giorno sarà di aiuto e di conforto» ha scritto sui social Gennaro Zuccoli, Diacono della parrocchia di Barra. A interessarsi delle condizioni di don Gallesi sono anche gli altri parroci del IX Decanato della Diocesi di Napoli che sottolineano la delicatezza del loro operato in questo periodo di emergenza sanitaria: il protocollo della liturgia è puntuale ma nella pratica è difficile evitare tutti i potenziali rischi di contagio visti il numero di persone che accedono alle parrocchie e le tante attività su cui sono impegnati i sacerdoti in periferia anche per rispondere alle esigenze più particolari dei fedeli. Guide spirituali ma anche importanti riferimenti per chi vive enormi difficoltà dal punto di vista sociale specie in questo periodo drammatico.

Centinaia i messaggi sui social per don Gallesi. Molti sulla pagina della parrocchia. L'ultimo post recita: «Tutta illuminata a festa, per il nostro parroco, la cappella di sant'Anna nostra celeste patrona. Sant'Anna nosta, miettec a mana toja!». Un augurio di chi spera di rivedere presto don Enzo celebrare la messa nella “sua” Barra. In passato don Gallesi è stato tra i promotori della petizione popolare per chiedere un maggior presidio delle forze dell’ordine sul territorio dopo diversi atti delinquenziali. Insieme ai “colleghi” delle parrocchie di Napoli Est aveva sollecitato le istituzioni affinché si attivassero per assicurare sicurezza ai cittadini preoccupati per alcune vicende registrate a Barra.

Ultimo aggiornamento: 14:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA