Napoli, Barra senza la “ballata” dei Gigli: diversi eventi per i 200 anni della festa

Napoli, Barra senza la “ballata” dei Gigli: diversi eventi per i 200 anni della festa
di Alessandro Bottone
Domenica 11 Settembre 2022, 20:42
3 Minuti di Lettura

La festa dei Gigli di Barra è ancora sospesa. Come nei due anni precedenti nemmeno questo settembre ci sarà la seguitissima "ballata" tra le strade del quartiere della zona orientale di Napoli. Resiste la voglia di rinnovare una tradizione che va avanti esattamente da duecento anni appassionando migliaia di seguaci che si divino in paranze, ognuna con il suo giglio, i suoi colori e la sua musica.

 

Ancora un anno di sacrificio per le associazioni che, in occasione del bicentenario della festa popolare di Barra, hanno operato per organizzare alcune iniziative. Il via ieri, sabato 10, con un convegno presso la congrega della Santissima Annunziata in corso Sirena 265. L'evento ha messo insieme le voci delle realtà protagoniste della festa e quelle di storici e artisti che hanno evidenziato la sue radici raccontando il patrimonio folkloristico e culturale. Una ricchezza che si intende trasmettere attraverso la mostra inaugurata oggi nel medesimo spazio con l’esposizione di diversi gigli in miniatura - donati da appassionati di Barra ma anche di Brusciano, Nola e Casavatore - e di scatti fotografici che raccontano le edizioni recenti e passate della festa di Napoli Est. La mostra resterà aperta tutti i fine settimana fino al 30 ottobre (sabato ore 10-13 e 18-20, domenica ore 10-13). L'iniziativa è organizzata dall'associazione Passione Infinita insieme a Parthenope, SavioGroup, DreamMusic, bottega Perseo, Museo di Napoli collezione Bonelli, Chiesa di Sant'Anna, Società operaia mutuo soccorso di Barra, con il patrocinio del Comune di Napoli e della VI Municipalità. Intanto si lavora ad altre iniziative con cui animare il quartiere e coinvolgere giovani e famiglie.

Video

La festa dei Gigli di Barra è stata fortemente penalizzata dalle restrizioni legate all'emergenza Covid. Un duro colpo per le realtà che, fino al 2019, hanno dovuto farsi carico dell'intera organizzazione e dei relativi costi. Intanto in questi mesi è stato avviato un dialogo con la Municipalità di Napoli Est e con gli esponenti di Palazzo San Giacomo con l'obiettivo di lavorare in sinergia per l'edizione 2023 e, in particolare, per il ritorno della "ballata" dei Gigli, macchine dalla forma piramidale costruite in legno e decorate a festa. Ognuno dei Gigli, seguito da migliaia di sostenitori, viene portato a spalla dai "facchini" percorrendo le strade del centro storico del quartiere tra musica e "competizioni". Le paranze - che si distinguono per l'allestimento e le canzoni - portano avanti una pacifica sfida che va avanti per un'intera giornata a suon di musica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA