Napoli, Galleria Vittoria subito riaperta ma cede Soccavo

Lunedì 15 Aprile 2019 di Elena Romanazzi
Dopo 24 ore di stress alle stelle per gli automobilisti ma anche per gli agenti della municipale impegnati a gestire un traffico letteralmente impazzito ha riaperto la galleria Vittoria. Lavori effettuati in tempo di record già sabato pomeriggio dopo la voragine che si era aperta intorno a 12 sul lato di via Acton. Ieri mattina gli operai della Napoli Servizi hanno rimosso le deviazioni, la segnaletica per piazzata ai due ingressi della galleria, sistemato i blocchi di cemento che delimitano le due carreggiate e riaperto la carreggiata chiusa. Gli assessori Mario Calabrese e Alessandra Clemente hanno tirato un sospiro di sollievo perché certo, come era prevedibile, la serata di sabato è stata davvero difficile con code chilometriche sia su via Acton verso piazza Vittoria che su via Caracciolo direzione via Marina, dove le vetture erano costrette a fare il giro per via Chiatamone.
 
Chiuso un capitolo c'è stata un'altra emergenza questa volta fortunatamente non in una strada ad intenso scorrimento di vetture come la galleria Vittoria. Ma si tratta comunque di un cedimento. La zona è Soccavo, IX Municipalità. In via Bottazzi, un budello di strada che si interseca con via Scherillo, è quasi profondata la sede stradale per il crollo di una volta fognaria. La strada è stata chiusa al traffico e sul posto si sono recati i tecnici di Abc e della Municipalità. Il cedimento fognario a sua volta, ha procurato una escavazione di circa quattro metri sotto al basolato. «Oggi - informa la Municipalità - partiranno gli interventi di ripristino del sottosuolo. Contiamo di riaprire la strada entro la settimana». In questo caso si sarebbe trattato di corposa perdita d'acqua che ha causato lo sprofondamento del basolato e certo il ripristino non sarà semplice anche perché occorre effettuare una verifica della rete fognaria della zona per verificare la presenza di altre criticità.

Sono stati diversi i cedimenti negli ultimi quindici giorni. Oltre al buco di circa un metro che si è aperto davanti alla galleria Vittoria vale la pena ricordare quanto accaduto in via Marina appena la scorsa settimana in un punto dove era stato già rifatto il manto stradale. La prima voragine su via Volta, a pochi metri dalla corsia preferenziale la cui inaugurazione è slittato. In questo caso è stato un tombino che incrinandosi ha piegato il manto stradale. La seconda voragine, invece, si è aperta via Reggia di Portici. Un vero e proprio cratere che si è aperto per il dissesto di ben due cavidotti dei sottoservizi.

Sul fronte della viabilità è accaduto l'imprevedibile in piazza Italia. Un semaforo all'ingresso della galleria Laziale è letteralmente impazzito. Se quando sono guasto o sono spenti o lampeggia la luce gialla in questo caso erano accese tutte e tre le luci. Molta la confusione degli automobilisti perché all'inizio si pensa che sia il riflesso del sole o altro ma poi non si sa come comportarsi. A denunciare il guasto Borrelli e Gaudini dei Verdi. «Da diverse ore i semafori di piazza Italia, poco prima dell'ingresso della galleria Laziale sono andati in tilt e gli automobilisti sono entrati nel panico non sapendo come comportarsi di fronte alle tre luci accese contemporaneamente». Molti di loro - aggiungono - sono stati costretti a frenare bruscamente. Per questa ragione abbiamo chiesto l'intervento immediato per la riparazione del guasto prima che qualcuno ci rimetta l'incolumità». Ultimo aggiornamento: 11:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA