Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, i giovani rigenerano la biblioteca comunale di Barra

Venerdì 19 Agosto 2022 di Alessandro Bottone
Napoli, i giovani rigenerano la biblioteca comunale di Barra

Giovani in campo per rigenerare la biblioteca comunale di Barra, quartiere nella zona orientale di Napoli, ospitata nella storica Villa Letizia. Diversi volontari operano per migliorare gli spazi e i servizi a favore delle persone che utilizzano il bene pubblico di via Giambattista Vela.

A mettere insieme i giovani è il progetto "So-Stare in Biblioteca" che punta al miglioramento del luogo culturale ospitato nella villa vesuviana di Barra - una delle centoventidue del "Miglio d'Oro" - che da tempo necessita di importanti interventi di riqualificazione. La biblioteca Cozzolino di Barra è l'unico spazio pubblico a favore dei numerosi giovani, e non soltanto, che cercano posti per studiare. La rivitalizzazione del bene comunale insiste, innanzitutto, sulla costruzione di una comunità di fruitori della biblioteca che oggi vede protagonisti molti studenti della zona orientale. È stata avviata una indagine del contesto che focalizza l'attenzione sia sul quartiere che, nello specifico, su Villa Letizia: il lavoro è utile a raccogliere informazioni che riguardano la struttura, la sua storia, le modalità di utilizzo, i limiti e le potenzialità. Il parere di cittadini, attivisti e altri protagonisti avviene attraverso questionari e brevi interviste che, condivisi sui social network, intendono creare interesse e curiosità intorno alla biblioteca di Barra.

Da settembre si prevedono ulteriori attività. Alcuni spazi della biblioteca saranno rifunzionalizzati attraverso azioni di arredo partecipato. Sarà l'associazione Noi@Europe - che supporta l’intero progetto - a occuparsi della realizzazione degli arredi facendo tesoro della costruttiva esperienza fatta in un'altra biblioteca comunale, quella dell'adiacente quartiere Ponticelli. Qui il cortile è stato reso facilmente fruibile grazie alla realizzazione di tavoli e panche in legno: un processo avvenuto in condivisione con chi già frequentava lo spazio e con residenti.

Una buona pratica che si "esporta" nella biblioteca di Villa Letizia a Barra con lo scopo di restituire funzionalità e vivibilità al luogo di cultura e socializzazione. Gli arredi in legno e la sistemazione dei giardini permetteranno di creare aree di relax e spazi per ospitare meeting o altri eventi. Queste e altre attività previste permetteranno ai cinque volontari e agli altri protagonisti di lavorare su competenze formali e informali. L’obiettivo è aprire la biblioteca a nuove categorie di utenti - come famiglie e bambini - che attualmente non frequentano gli spazi. E fare della Cozzolino un polo da mettere in rete con altri beni pubblici cittadini.

"So-Stare in Biblioteca" è un progetto finanziato da ESC, ovvero il Corpo Europeo di Solidarietà, programma dell'Unione europea che offre ai giovani opportunità di volontariato. Sono cinque i giovani che porteranno avanti le attività fino a dicembre con lo scopo di restituire dignità all'unico luogo di cultura pubblico a Barra. Contestualmente i cinque volontari lavoreranno anche per riportare l'attenzione delle istituzioni locali sulla storica dimora e sull'adiacente parco pubblico stimolando un intervento strutturale per la loro rigenerazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA