Napoli, corso Sirena a Barra è colabrodo: si spera nelle risorse del Recovery Plan

Venerdì 16 Aprile 2021 di Alessandro Bottone
Napoli, corso Sirena a Barra è colabrodo: si spera nelle risorse del Recovery Plan

Il corso Sirena - arteria principale di Barra, quartiere nella zona orientale di Napoli - è tra le strade per le quali si prevedono lavori di riqualificazione attraverso le risorse del “Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza”, ovvero del Recovery Plan. Oggi il Comune di Napoli ha presentato al Maschio Angioino i progetti candidati ai finanziamenti.

L'obiettivo è, dunque, riqualificare il tratto del corso Sirena compreso tra via della Villa Romana e piazza Crocella. Parliamo del centro storico di Barra, l'asse intorno al quale si è sviluppato il quartiere che è diventato parte della città di Napoli negli anni Venti del secolo scorso, perdendo la sua autonomia. Corso Sirena è parte della zona cui viene riconosciuto un valore storico: la conformazione della strada è, difatti, stata riportata anche nella mappa topografica della città di Napoli e dei suoi contorni realizzata da Giovanni Carafa, duca di Noja. Su di esso affacciano ben quattro ville vesuviane - Palazzo Bisignano (detto anche Villa Roomer), Villa Filomena, Villa Pignatelli di Monteleone, Villa Spinelli di Scalea - e lo stesso Municipio, ovvero la sede degli uffici comunali, oltre a diverse antiche chiese e due conventi.

 

Tutta la strada risulta, da tempo, in condizioni pietose per l'usura e il degrado. Il lungo tratto per il quale si prevedono i lavori - parliamo di oltre un chilometro e duecento metri - è interretto da decine e decine di pericolosi dissesti. I blocchi di basolato "saltano" sotto il peso dei veicoli creando dislivelli sui quali, spesso, si interviene con "colate" di asfalto: un pugno in faccia al decoro e un intervento che si dimostra non assolutamente risolutivo dopo pochi giorni. In numerosi punti sono danneggiate anche le strisce che dovrebbero delimitare carreggiata e marciapiedi, ovvero le lastre in pietra calcarea che risultano particolarmente scivolose. Le condizioni di pericolo peggiorano con la pioggia che penetra nei dissesti creando pozzanghere e scene di ulteriore degrado. L'ultimo intervento di manutenzione straordinaria e riqualificazione di corso Sirena risale ad almeno quindici anni fa: agli atti risulta una aggiudicazione per lavori nel lontano 2007 per oltre un milione di euro.

Occorreranno diversi mesi per capire se i progetti risulteranno finanziati dalle risorse europee. Nel frattempo occorre intervenire per eliminare i pericoli, come più volte evidenziato da residenti e commercianti che, in qualche occasione, sono intervenuti col "fai da te" per rispondere ad alcune situazioni urgenti lungo la carreggiata. Oltre corso Sirena ci sono altre strade di Napoli Est tra i progetti. Per il quartiere Ponticelli: via Provinciale Botteghelle, via Botteghelle, via Provinciale delle Brecce, via Madonnelle, via Vicinale Porchiano, via Vicinale Ravioncello, via Luigi Franciosa, via Napolitano, viale Hemingway. Via Passeggiata a Mare e via Ferrante Imparato per San Giovanni a Teduccio e via delle Repubbliche Marinare per il quartiere Barra.

Ultimo aggiornamento: 20:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA