Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, cantieri anche d'estate: al palo i lavori in via Repubbliche Marinare

Venerdì 6 Maggio 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, cantieri anche d'estate: al palo i lavori in via Repubbliche Marinare

Ancora cantieri aperti nella zona orientale di Napoli. Si lavorerà anche in estate in due aree già da tempo interessate da lavori pubblici. Nelle prossime settimane mezzi pesanti e operai si noteranno sia in via delle Repubbliche Marinare, dove si lavora per realizzare la strada dopo l'abbattimento del viadotto, sia in corso San Giovanni per gli interventi di riqualificazione dell'impianto fognario.

In particolare, si opererà almeno fino al 30 giugno a Barra per realizzare la nuova strada dopo lo smantellamento del cavalcavia nel tratto compreso tra via Volpicella e via Chiaromonte. Il cantiere per abbattere il viadotto è stato aperto l'11 ottobre 2021 dopo anni di ritardi e rinvii. I complessi lavori sarebbero dovuti durare centoventi giorni, ovvero fino a metà marzo ma da diverse settimane l'impresa continua a lavorare soltanto in una parte dell'importante cantiere visto che alcune aree dello stesso sono state circoscritte e inibite dopo il ritrovamento di materiale in amianto. Di qui la richiesta del comitato di residenti di far luce sui tempi per la bonifica delle aree, la prosecuzione dei lavori e l'ultimazione degli stessi così da permettere la riconsegna dello spazio pubblico riqualificato dopo mesi di disagi per passanti e residenti. Fino al 30 giugno resta in vigore l'ordinanza dello scorso ottobre che rende utilizzabile soltanto la carreggiata in direzione San Giorgio a Cremano. Coloro che si spostano verso il centro città, infatti, sono obbligati a utilizzare via Chiaromonte e via Volpicella per "scavalcare" il cantiere e proseguire verso Gianturco.

L'altro importante cantiere che interessa la zona orientale è in corso San Giovanni a Teduccio dove proseguono i lavori di riqualificazione urbanistica e ambientale dell'asse costiero con la rifunzionalizzazione del sistema fognario del quartiere così come previsto dal "Grande Progetto riqualificazione urbana". Fino al prossimo 9 luglio si lavorerà in un lungo tratto di strada a ridosso della zona Vigliena dove è stato realizzato il cordolo per separare la corsia dei tram da quelle destinate a tutti gli altri veicoli. Il Comune di Napoli ha emesso uno specifico dispositivo di traffico visto che l'intervento «ha in parte modificato le caratteristiche strutturali della sede stradale di Corso San Giovanni». Di qui la necessità di regolare l'importante flusso di veicoli che quotidianamente attraversano l'arteria per raggiungere il centro di Napoli e l'area del Comuni vesuviani.

L'ordinanza del Servizio 'Viabilità e traffico' del Comune di Napoli rende operativo il dispositivo dal 9 maggio. La carreggiata non interessata dai lavori compresa nel tratto del corso San Giovanni compreso tra via Vigliena e il civico 151 viene divisa in due corsie con sensi di marcia contrapposti. Qui si impogono il limite massimo di velocità di 20 chilometri orari, il divieto di sorpasso e i divieti di sosta e fermata. A protezione dei pedoni ci sarà un percorso di un metro di larghezza a ridosso del cantiere. Coloro che impegneranno il corso dovranno prestare particolare attenzione nell'attraversare il tratto compreso tra via Ponte dei Francesi e via Vigliena e in quello da via Pazzigno fino all'incrocio con via Vigliena. Qui la strada viene suddivisa in due carreggiate separate dal cordolo spartitraffico. La carreggiata lato mare ospiterà due corsie con sensi di marcia contrapposti e l'altra carreggiata sarà riservata esclusivamente ai mezzi del trasporto pubblico e ai tram.

Rallentamenti e code interessano le strade di Napoli Est interessate dai cantieri e quelle limitrofe, specie nelle ore di punta. L'importante numero di veicoli, anche pesanti, è deviato su strade secondarie, di dimensioni ridotte, dove si creano particolare disagi. Di qui l'esigenza di portare a termine gli interventi in tempi stretti così da ripristinare decoro e sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA