Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, cimitero di Ponticelli avvolto
dal degrado tra rifiuti e dissesti

Lunedì 15 Agosto 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, cimitero di Ponticelli avvolto dal degrado tra rifiuti e dissesti

Si cammina tra degrado e pericoli a Ponticelli, quartiere nella zona orientale di Napoli. Gli spazi intorno al cimitero di via Argine risultano in condizioni di pesante degrado sia per la mancanza di interventi sia per l'abbandono di rifiuti di ogni genere.

In particolare, la strada senza nome che collega via Argine e via Mario Palermo - e sulla quale insiste uno degli accessi al camposanto di Napoli Est - è ridotta a discarica a cielo aperto con un enorme cumulo di terreno, erbacce e rifiuti accatastato al muro di cinta della struttura comunale. Il verde infestante ha intrappolato pezzi di tettoia, buste di spazzatura e altro materiale lasciato a terra così come i piccoli rifiuti trasportati dal vento.

A ben vedere il degrado riguarda l'intera anonima strada utilizzata sia per l'accesso al cimitero che ad alcune proprietà private. Ci sono erbacce e rifiuti lungo tutto il tatto e la carreggiata risulta in pessime condizioni con buche e dissesti in numerosi punti. Fango e terreno accumulati rendono il luogo ancora più pericoloso per i cittadini che visitano i defunti. Sullo spazi insiste anche un rudere in pessimo stato di conservazione e completamente abbandonato.

Non va meglio sulla trafficata via Argine dove il verde, cresciuto rigoglioso, ricopre i marciapiedi laterali e quelli lungo lo spartitraffico rendendo difficile il passaggio dei pedoni che, in molti tratti, sono costretti a utilizzare la carreggiata per poter proseguire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA