Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, i giovani studiano lo spazio con Maestri di Strada e Asi

Lunedì 16 Maggio 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, i giovani studiano lo spazio con Maestri di Strada e Asi

I giovanissimi della periferia orientale di Napoli a scuola di astrofisica. L’opportunità arriva grazie alla collaborazione della onlus Maestri di Strada e l’Agenzia Spaziale Italiana che intendono coinvolgere nello studio delle materie tecnico-scientifiche i giovani in situazioni di grande povertà educativa e a rischio di abbandono scolastico.

La realtà educativa guidata da Cesare Moreno - che ha sede nel Cantiere Urbano per le Trasformazioni educative 'Ciro Colonna' di via Curzio Malaparte a Ponticelli - realizzerà, grazie ad ASI, nuovi laboratori per approfondire lo studio delle materie STEM (Science, Technology, Engeneering and Mathematics) rivolti ai giovanissimi. Altresì si offriranno nuove opportunità di formazione e approfondimento specialistico anche a docenti, educatori e operatori del terzo settore sociale. Si potranno così conoscere, dai diretti protagonisti, il senso delle avventure spaziali così da trasmetterlo ai propri allievi.

A maggio sono previsti incontri con Alessandro Coletta e Elisabetta Cavazzuti dell’ASI e Silvia Piranomonte dell’INAF. Si parla dell’utilità dei satelliti di osservazione della Terra e le scoperte astrofisiche più importanti degli ultimi dieci anni. Si parte mercoledì 18 maggio, dalle 16 alle 18, con l’astrofisico dell’ASI Alessandro Coletta, direttore di Missione della Costellazione di Satelliti COSMO-SkyMed e responsabile ASI dell’Unità “Downstream e Servizi Applicativi”, che spiegherà “Perché osservare la Terra dallo Spazio ci fa bene”. Gli incontri di martedì 24 e mercoledì 25 maggio sono curati da Elisabetta Cavazzuti, astrofisica, tra i massimi ricercatori nell’ambito dei programmi spaziali che studiano i fenomeni astrofisici nei raggi X e raggi gamma, e Silvia Piranomonte, ricercatrice presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), dove svolge attività di ricerca nel campo dell’astronomia multi messaggera: si concentreranno sulle scoperte astrofisiche più importanti degli ultimi dieci anni con un focus speciale su “Andare nello spazio”. Introducono gli incontri, Germana Galoforo, responsabile dell’ufficio education di ASI e delle attività educative della missione Minerva, Cesare Moreno, presidente Maestri di Strada onlus e Filomena Carillo, responsabile della formazione di Maestri di Strada onlus. Altri incontri sono previsti in autunno per approfondire la scienza e la tecnologia applicate allo spazio.

«La missione Minerva con l’astronauta ESA di nazionalità italiana Samantha Cristoforetti mi ha permesso di cogliere l’opportunità offerte dalle missioni spaziali di dedicare un ruolo importante alle attività educative e cogliere l’occasione, ancora una volta, per promuovere e diffondere la cultura aerospaziale quale fonte di ispirazione per i giovani», spiega Mario Cosmo, direttore Scienza e Ricerca dell'ASI, che dettaglia: «L’incontro tra ASI e Maestri di Strada onlus vuole dare un segnale, offrire una ispirazione, dire ai giovani che vivono in situazioni di emarginazione, di povertà educativa, di rischio di dispersione scolastica che invece bisogna puntare a un orizzonte lontano, luminoso».



«La formazione tecnico scientifica è contemporaneamente quella che offre ai giovani maggiori possibilità di impiego e al nostro paese una risorsa importante per migliorare la propria economia. È noto anche che molti giovani che vivono situazioni difficili hanno più disposizione a occuparsi di materie tecniche che non esprimersi nelle discipline umanistiche», spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada onlus, che aggiunge: «Per tutti questi motivi Maestri di Strada investe molto nelle discipline STEM e al tempo stesso offre ai giovani la possibilità di esplorare il proprio animo attraverso la poesia e il sogno. Il titolo del corso “Interminati spazi e sovrumani silenzi” è una citazione da “L’Infinito” di Giacomo Leopardi che è stato al centro di un laboratorio poetico esperienziale, e le tre stelle nel mirino dell’arciere sono il sogno, la cura e la bellezza che sono le tre direttrici del nostro lavoro. Attraverso gli occhi di Samanta Cristofoletti e dei suoi colleghi dell’ASI abbiamo la possibilità di un sogno ad occhi aperti ed insieme la possibilità di aprire una “finestra” con scienziati appassionati sulle professioni scientifiche».

Gli incontri si svolgeranno in presenza a Napoli presso il Cantiere Urbano per le Trasformazioni educative “Ciro Colonna” via Curzio Malaparte 42  a Ponticelli, quattiere a est di Napoli, e sarà possibile seguirli anche in diretta streaming.

Ultimo aggiornamento: 20:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA