Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, rilancio delle biblioteche:
in arrivo migliaia di euro per nuovi libri

Lunedì 1 Agosto 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, rilancio delle biblioteche: in arrivo migliaia di euro per nuovi libri

Nuovi libri per arricchire le biblioteche comunali. A distanza di anni si interviene sul patrimonio dei luoghi della cultura napoletani grazie alle risorse regionali e ministeriali. A beneficiarne anche le biblioteche di periferia, come quelle della zona orientale di Napoli.

In particolare, per la biblioteca Grazia Deledda di Ponticelli e la Antonio Labriola di San Giovanni a Teduccio ci sono a disposizione complessivamente ottomila euro grazie a due progetti il cui obiettivo è incrementare e migliorare le raccolte librarie e documentarie a disposizione dei residenti. Le risorse sono concesse dalla Regione Campania e gli interventi dovranno essere completati entro il 30 settembre. Una corsa contro il tempo visto che «la mancata realizzazione dei progetti e/o l’assenza o incompletezza della rendicontazione [...] comporteranno la revoca del contributo assegnato e l’esclusione dalla partecipazione a successiva procedura di assegnazione dei contributi».

Altre risorse sono garantite dal Ministero della Cultura e, in particolare, attraverso il contributo alle biblioteche per l'acquisto di libri. Il Comune di Napoli beneficia di diverse migliaia di euro per alcune biblioteche cittadine. Tra queste anche quelle di Ponticelli e San Giovanni a Teduccio cui si aggiunge la biblioteca Cozzolino di Barra ospitata nella storica Villa Letizia. Ognuna di queste ultime ha a disposizione 4.366 euro che dovranno essere utilizzati esclusivamente per l’acquisto di libri in «almeno tre diverse librerie presenti sul territorio della provincia o città metropolitana in cui si trova la biblioteca». Sono escluse tutte le forme di editoria elettronica, come gli e-book. «Le risorse assegnate devono essere spese entro 90 giorni dall’avvenuto accredito e devono essere rendicontate entro il 30 novembre 2021», si legge sul sito del Ministero dedicato all'iniziativa che ha la finalità di supportare il libro e la filiera dell’editoria libraria.

Video

Dunque, in autunno tanti nuovi testi arrivano nelle biblioteche di Napoli Est, e non solo, così da assecondare gusti ed esigenze di lettori, studenti e di persone di ogni età. Al momento non si hanno informazioni circa la tipologia di testi che saranno scelti dal Comune di Napoli e dalla VI Municipalità, ente cui spetta la gestione e la manutenzione delle biblioteche dei quartieri di Napoli Est. Alcune proposte sono arrivate dalla rete di realtà associative che da tempo hanno a cuore il destino degli unici luoghi pubblici della cultura della zona orientale di Napoli.

«Aspettiamo con ansia i nuovi libri per la biblioteca di Ponticelli, come di Barra e San Giovanni! Aiuteranno ad alimentare consultazioni e prestiti, in questo momento troppo poco praticati», afferma Pietro Sabatino, presidente di Noi@Europe, una delle associazioni che ha permesso la rigenerazione e la parziale riqualificazione della biblioteca pubblica di Ponticelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA