Napoli Est, lavori sul cavalcavia di via Repubbliche Marinare: via alla rimozione dell'amianto

Martedì 17 Maggio 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, lavori sul cavalcavia di via Repubbliche Marinare: via alla rimozione dell'amianto

C'è la svolta sui lavori per il completo abbattimento del viadotto di via delle Repubbliche Marinare a Barra, quartiere nella zona orientale di Napoli. Da questa mattina si opera anche nell'area del cantiere che finora era rimasta interdetta per la presenza di amianto.

Operai e mezzi hanno ora accesso agli spazi così da rimuovere il materiale con tutte le adeguate e dovute prescrizioni. Si lavora con tutte le precauzioni del caso: tute protettive per gli operai, pannelli intorno alle aree da bonificare, enormi sacchi per depositare il materiale recuperato e teli per ricoprire le zone ancora "sporche". Misure necessarie per la sicurezza dei residenti, dei passanti e degli stessi operai. Si andrà avanti per diverse settimane e si lavorerà almeno fino al 30 giugno: è il termine fissato dall'ultima ordinanza del Comune di Napoli in merito agli interventi di riqualificazione del tratto stradale di Napoli Est.

Tolti i pochi metri in cui si lavora a partire da oggi, il viadotto di Napoli Est è stato completamente demolito grazie all'importante sforzo logistico messo in campo dall'impresa a partire dallo scorso ottobre con turni di lavoro anche nel weekend e anche nei giorni festivi. Il cronoprogramma avrebbe voluto la completa demolizione entro i primi di marzo. Tempi sconvolti dal ritrovamento di materiale in amianto. 

Dunque, nell'arco di un mese e mezzo la strada dovrebbe essere riconsegnata ai cittadini in piena sicurezza e decoro. Circostanze che sono mancate in tanti anni durante i quali i residenti hanno costantemente sollecitato gli enti locali affinché si arrivasse all'apertura del cantiere. L'iter è stato particolarmente complicato e ha visto ritardi e rinvii per l'affidamento degli interventi concretizzatosi l’anno scorso.

Video

Soddisfazione da parte dei residenti che finalmente si sono liberati dall'inutile infrastruttura di ferro e cemento dopo alcuni lustri. Lo spiega Vania Varlese che ha seguito le vicissitudini dell'abbattimento del cavalcavia per anni insieme a Gennaro Frezzetti. Con la riqualificazione del tratto si restituisce la luce ai residenti, spiega la cittadina, e soprattutto si elimina il degrado che ha caratterizzato gli spazi: per i cumuli di rifiuti abbandonati sotto il viadotto, per la prostituzione e per il ritrovo di tossicodipendenti. Situazioni di mancata sicurezza - non sono mancati spettacolari incidenti sull’ex viadotto - che hanno reso progressivamente invivibile il tratto di Repubbliche Marinare incastrato tra via Volpicella e via Chiaromonte.

Ultimo aggiornamento: 15:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA