Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, terrazza sul mare di San Giovanni: si accelera per il recupero

Martedì 26 Luglio 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, terrazza sul mare di San Giovanni: si accelera per il recupero

Da impianto industriale a spazio green sul mare. Il Comune di Napoli lavora per riqualificare l'ex depuratore di strada Boccaperti a San Giovanni a Teduccio, nella zona orientale di Napoli. Il sito, dismesso da molti anni, sarà trasformato in area aperta al pubblico utilizzando otto milioni di risorse pubbliche.

L'iter per riqualificare l'enorme spazio sul litorale di Napoli Est è complesso. Ci sono a disposizione sette milioni del CIS, ovvero il contratto istituzionale di sviluppo, 'Vesuvio-Pompei-Napoli'. Un ulteriore milione di euro proviene dalle risorse destinate alla bonifica delle aree comprese nel SIN 'Napoli Orientale'. Si smantellano le strutture dell'ex depuratore mentre resterà sempre attivo l'impianto di sollevamento delle acque nere gestito dalla società comunale Abc Napoli. In questi mesi gli uffici del Comune di Napoli hanno lavorato affinché si possa procedere alla rimozione delle due cisterne da tempo posizionate negli spazi di strada Boccaperti. Si tratta di vasche che contengono acque reflue recuperate in città nel corso di una indagine su presunti illeciti smaltimenti di acque del 2012. Nel corso degli anni, a seguito della chiusura delle indagini da parte degli organi competenti, il Servizio "Ciclo integrato delle acque" del Comune di Napoli ha ordinato più volte alla ditta privata che li aveva installate di provvedere alla rimozione delle cisterne dopo aver smaltito le acque contenute prevedendo la caratterizzazione e classificazione del materiale. Ma il privato «ha attivato un contenzioso (ancora pendente) per il riconoscimento di un maggior tempo di noleggio di quello riconosciuto dall’ente comunale», si legge negli atti. Intanto l'amministrazione comunale, nell'estate 2021, ha provveduto alla caratterizzazione di quanto contenuto nelle cisterne per poter procedere allo smaltimento.

Video

A febbraio scorso il privato ha chiesto la restituzione degli scarrabili collocati a San Giovanni. A smaltire il materiale e prelevare le cisterne sarà la medesima ditta per una questione di celerità ed economicità così da «evitare ulteriori aggravi di spesa per l’ente derivanti anche dalla scadenza del certificato analitico del materiale». L'affidamento diretto è coperto con oltre 12mila euro di fondi comunali.

Dunque, nei prossimi anni il sito industriale lascerà spazio a una terrazza con verde e pista ciclabile. Il progetto - presentato da Edoardo Cosenza, assessore alle infrastrutture e alla mobilità del Comune di Napoli, alla Municipalità di Napoli Est - permetterà di collegare le due spiagge di San Giovanni a Teduccio, quella del Municipio e quella di Pietrarsa. Altro complesso lavoro da portare avanti, invece, riguarda il risanamento ambientale del lungomare le cui acque sono interdette alla balneazione da anni negando ai residenti un bene pubblico e alla città una attrattiva turistica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA