Napoli Est, tre panchine rosse
contro la violenza sulle donne

Mercoledì 25 Novembre 2020 di Alessandro Bottone

Tre panchine rosse in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne che ricorre ogni 25 novembre. Sono state “inaugurate” questa mattina nei quartieri Ponticelli, Barra e San Giovanni a Teduccio, nella zona orientale di Napoli.

Una iniziativa voluta dalla giunta e dal consiglio della VI municipalità del Comune di Napoli per sensibilizzare i cittadini rispetto al grave fenomeno sociale. Le panchine dipinte di rosso si trovano in piazza Bisignano a Barra, di fronte alla storica Villa Roomer, in piazza Michele De Iorio a Ponticelli, ai piedi del palazzo municipale, e in via Altripaldi a San Giovanni a Teduccio, nello spazio antistante la sede della polizia municipale.

LEGGI ANCHE Covid, nell'Asl Napoli 3 eseguiti 4mila tamponi nelle scuole: solo 14 i positivi

All'iniziativa hanno preso parte il presidente della municipalità di Napoli Est, Salvatore Boggia, gli assessori e i consiglieri municipali e l'assessore comunale Lucia Francesca Menna che ricopre le deleghe alle pari opportunità e alle politiche di contrasto alle violenze di genere.

 

«Della violenza delle donne non se ne parla mai abbastanza» afferma Patrizia Sannino, assessore alle pari opportunità della VI municipalità che sottolinea la reale esigenza di tutelare le donne, specie in questo periodo delicato per l'emergenza sanitaria. Stigmatizzando l'indifferenza del problema, l'assessore evidenzia l'importanza di ripensare le politiche del welfare che hanno mostrato diversi limiti visto che si verificano ancora numerosi casi di femminicidio e atti di violenza contro le donne. L'esponente della giunta municipale crede sia essenziale dare stabilità ai centri antiviolenza e alle case rifugio per donne vittime di violenza che “sopravvivono” solo attraverso singoli progetti e per le quali occorrono, dunque, risorse strutturali. La Sannino annuncia che la municipalità lavorerà a un documento, insieme alle altre municipalità e all'amministrazione centrale, per avanzare proposte da sottoporre al Governo così da rispondere al fenomeno che vede ancora donne morire sotto la violenza altrui.

All'iniziativa di questa mattina hanno preso parte anche due esponenti del «Consiglio junior» della VI municipalità, ovvero l'assemblea formata dalle studentesse e dagli studenti degli istituti comprensivi dei tre quartieri della zona orientale. I due ragazzini hanno accompagnato le tappe leggendo dei pensieri sul tema e facendo da rappresentanti per tanti coetanei cui sono rivolti i messaggi di sensibilizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA