Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Galleria Umberto I di Napoli, il degrado infinito: tornano gli scooter e i tornei di calcio

Domenica 1 Maggio 2022 di Gennaro Di Biase
Galleria Umberto I di Napoli, il degrado infinito: tornano gli scooter e i tornei di calcio

Ci risiamo. Ancora una volta. Tornei di calcio, degrado, bivacchi, clochard, gravi e nuovi dissesti ai pavimenti affacciati sul San Carlo, il sangue e le risse violente tra minori delle scorse settimane. È la nuova tristissima normalità della Galleria Umberto. Stanno svanendo gli effetti dell’operazione decoro diurno, che ha visto protagonisti gli assessorati comunali alle Politiche Sociali e alla Sicurezza. Per qualche mese - tra fine gennaio e l’inizio di aprile - il primo salotto di Napoli, dopo una campagna partita da queste pagine a dicembre 2021, sembrava sul punto di rinascere. Pareva proiettata verso un rilancio che potesse avvicinarla, in qualche modo, al monumento gemello di Milano: la Vittorio Emanuele teatro di griffe e indotto. Invece no. Purtroppo. A Napoli restano le divisioni e le promesse dei privati sulla guardiania e quelle sui lavori di competenza pubblica, in fase di progettazione da Comune e Sovrintendenza. Resta poi l’importante mediazione del prefetto Palomba, che martedì proverà, ancora una volta, a mandare in porto l’accordo per la vigilanza notturna privata a carico dei proprietari. Il presente della Galleria, intanto, assomiglia sempre di più all’oscuro passato recente del monumento in cui, 8 anni fa, perse la vita il piccolo Salvatore Giordano.

A raccontare l’ultimo episodio di violenza e inciviltà è Francesco Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde: «L’altra sera, uscendo dall’Augusteo intorno alla mezzanotte, tra sporcizia e abbandono, sono stato testimone di un mega torneo di ragazzini tra 8 e 16 anni nella Umberto I. Quando gli ho fatto notare che non era il luogo appropriato per un torneo, mi hanno circondato, insultato, sputato addosso e lanciato bottiglie di birra che si sono ridotte in pezzi sul marmo dell’Ottocento. Ho chiamato il 113 per oltre 30 minuti, ma nessuno mi ha mai risposto. Serve un presidio notturno in Galleria, non può essere lasciata nelle mani di incivili e babygang che fanno quello che vogliono. Ragazzini tra gli 8 e i 16 anni che invece di stare a casa di notte, scendono in strada a far danni. Ma i genitori di questi bambini dove sono, non si chiedono i propri figli dove sono a tarda ora? Sono altrettanto responsabili dei disastri dei propri ragazzi, e da loro bisogna partire con punizioni severe per cambiare rotta e provare a risolvere il problema. I privati non hanno ancora mai fatto quello che avevano promesso sulla guardiania. Il Comune non ha ancora iniziato i lavori Quanto ai clochard, devo dire che ce n’erano meno rispetto agli ultimi anni di abbandono e dormitorio precedenti alla campagna del Mattino: erano solo tre, tutti dal lato di via Verdi». 

Video

A mantenere le promesse, finora, sono stati l’assessorato di De Iesu, che ha garantito un presidio diurno (8-20) di vigili urbani in Galleria. Quello di Trapanese, che ha senza dubbio alleggerito la presenza (notturna e non) dei senzatetto nel primo salotto della città, e i privati che stanno rifacendo le facciate. Stop. Per il resto, nessun altro passo avanti concreto. Il Comune - che ha stabilito, dopo un dialogo con il condominio di Piazzetta Serao 7, di farsi carico del restauro dell’arco dal lato di via Toledo - non ha ancora iniziato le operazioni né sul pavimento, né sulla cupola, e sta risolvendo il rebus risorse. Le forme di associazionismo proposte nei mesi scorsi (inter-condominio e Distretto del Commercio) non sono ancora formalizzate. Su tutto, visto il crescente allarme babygang, pesa la questione della vigilanza notturna privata a carico dei privati, caldeggiata dal Comune e dal prefetto Palomba, che potrebbe portare alla chiusura di almeno 2 dei 4 varchi dalla mezzanotte in poi. Una soluzione che raccoglie consensi tra diversi proprietari, ma non tutti sono d’accordo. C’è chi, per arginare la violenza, preferisce una sorveglianza statale. In ogni caso, dopo l’accordo di massima arrivato nell’ultimo incontro in prefettura il mese scorso, della questione vigilanza se ne riparlerà martedì. Comune, prefettura e privati dovranno prendere decisioni concrete per salvare il monumento nel cuore della Napoli storica e turistica. 

Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 07:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA