Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, da Posillipo a Bagnoli tuffi tra folla e degrado «Qui il mare è negato»

Lunedì 27 Giugno 2022 di Gennaro Di Biase
Napoli, da Posillipo a Bagnoli tuffi tra folla e degrado «Qui il mare è negato»

Il mare di Napoli, un quadro di lontananza, che si vede ma non bagna, in cui ci si tuffa ma non ce n'è lo spazio. A guardarla a distanza, la silhouette del Golfo di Partenope pare limpida come quella di un busto di Canova. Se invece si prova a toccarla, e ci si inoltra lungo le spiaggette dal lungomare a Coroglio, da Posillipo a San Giovanni, si scopre uno specchio d'acqua negato, ristretto, scomodo, degradato e senza regole. Buono per chi se lo prende come vuole o come capita, con scalette abusive o lidi improvvisati. La battaglia per il numero chiuso in spiaggia - approvato nelle scorse ore in giunta comunale (e in vigore da luglio) - ieri ha suscitato un flash mob di protesta dei comitati. Questa sorta di guerriglia civile sul mare è un segnale preciso dello scenario appena descritto, di questa controversia tutta napoletana tra organizzazione e anarchia.

Nelle passate settimane, il Mattino ha raccontato l'escalation di abusi e violenza - minorile e non - che stava andando in scena sulle spiagge partenopee. In primis, gli accoltellamenti a Marechiaro di due under 18 e la spartizione dello Scoglione operata dalle babygang, che approdavano lì grazie ai passaggi ufficiosi dei barcaioli. Sempre a Marechiaro, vanno in scena di continuo i folli e incontrollati tuffi dei ragazzini dal Palazzo degli Spiriti. Restando a Posillipo, nei giorni successivi, alla spiaggia delle Monache c'era stata un'aggressione in acqua a colpi di casco. Delinquenza a parte, vicino al mare c'è un mare di degrado. A partire dalla calca di barche (i posti sono pochissimi, rispetto alle esigenze e al numero di imbarcazioni) e bagnanti del Mappatella Beach, dove zampilla una pozzanghera melmosa in mezzo alla sabbia, per arrivare alla ressa e ai servizi (abusivi) di Coroglio. Ancora: il degrado del Molo di Colonna Spezzata, distrutto dalle bufere di fine 2020 inizio 2021 e ancora devastato, come del resto il vicinissimo Arco Borbonico. 

Incuria e dissesti anche al centralissimo molo Saint Tropez a Mergellina, di fronte al Bar Napoli. Una struttura che, al netto di verifiche della magistratura, soffre un abbandono vecchio di anni. A due passi da qui, proprio l'altro ieri, la prua di un aliscafo si è schiantata contro i baffi della scogliera. Due ragazzi sono salvi per un pelo. Sul lungomare, non lontano dagli stand del Pizza Village, vecchi e giovani usano e abusano di una scaletta di legno che qualcuno ha piazzato lì, senza autorizzazioni, tra la balaustra e gli scogli, come se il Mediterraneo fosse la piscinetta del suo giardino. Ancora una volta, Napoli è di chi se la prende, e non di chi aspetta il suo turno e rispetta lo spazio urbano. Cambierà tutto, tra pochi giorni. Almeno sulla carta, e se cittadini e istituzioni faranno rispettare le nuove regole in arrivo. Su proposta dell'assessore all'Ambiente e al Mare Paolo Mancuso, la giunta comunale l'altro ieri ha approvato una delibera relativa alla gestione aperta e sicura degli arenili pubblici nel corso della stagione balneare 2022. 

Video

Al via, da luglio, il tracciamento numerico dei bagnanti che accedono ai due tratti di spiaggia pubblica compresi tra Palazzo Donn'Anna e il Bagno Sirena (massimo 400 persone, contro le 350 di prima), al Bagno Ideal (massimo 12 persone) e Bagno Elena (12 persone). I titolari dei lidi si faranno carico - con orario 8-18 - dell'apertura e chiusura degli accessi da via Posillipo, di controllare numericamente l'accesso al mare e dell'assistenza ai bagnanti per il salvataggio. È da questo provvedimento che prende le mosse la protesta di ieri, portata avanti da una ventina di attivisti lungo le spiagge affollate. «Il lido del mare è pubblico», «il mare non bagna Napoli», «così stanno piegando il mare», «spiaggia offline», «Gaiola libera, bene comune»: questi i contenuti degli striscioni, mostrati a Largo Sermoneta, Coroglio e alla spiaggia delle Monache. È un'estate calda, questa in corso, in cui si decidono tanti aspetti del destino prossimo della città (dal tentativo di mediare tra boom di turisti, tavolini selvaggi e dignità dei monumenti, fino al nodo dei nuovi regolamenti su sicurezza e decoro, che debutteranno il mese prossimo). È una stagione in cui sono diversi i punti di equilibrio da fissare per comprendere la direzione che sta prendendo Partenope. Se, come, e con quali regole il mare bagnerà Napoli, è senza dubbio uno dei temi più importanti da affrontare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA