Alcol e minori, notti da incubo a Chiaia: in strada ragazzini ubriachi e drogati

di Valerio Esca

5
  • 7622
È ancora emergenza alcol tra i giovanissimi. L'ultimo campanello d'allarme è suonato nella zona della movida di Chiaia dove, tra via Imbriani e via Carducci, la scorsa notte sono stati avvistati numerosi ragazzini, tutti minorenni, in stato di totale incoscienza dovuti a mix micidiali di alcol e droghe. A riaccendere i riflettori sul tema ci hanno pensato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli: chiedono il pugno duro contro i gestori dei locali che continuano indisturbati a vendere alcolici ai minori: «Notte da incubo per una coppia di napoletani raccontano Borrelli e Simioli - che si sono imbattuti, prima in via Imbriani e poi in via Carducci, in scene letteralmente raccapriccianti. In via Imbriani una ragazza minorenne riversa a terra si rotolava e si lamentava, subito dopo, in via Carducci, un ragazzino steso sull'asfalto era in assoluto stato di incoscienza».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 6 Gennaio 2019, 08:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-01-06 21:41:10
cosi' non va così non c'é futuro, bisogna reagire
2019-01-06 17:40:47
Scrivo dagli USA dove vivo, qui negli USA gli alcolici vengono venduti a chi e' maggiore di 18 anni, se la polizia ferma un minorenne che beve per strada o che esce dal negozio, dove ha comprato gli alcolici, viene arrestato e al proprietario del negozio viene revocata la licenza degli alcolici. Forse troppo dura la punizione?
2019-01-06 15:25:58
minorenne o maggiorenne non fà differenza a parte l'età di chi si ubriaca e si droga,ormai è di "moda"
2019-01-06 13:10:24
in galera i genitori e figli in comunità di recupero.
2019-01-06 12:28:07
il motivo e che in questo paese tutto e' venuto meno. la famiglia , la scuola, il lavoro. Non voglio giustificare questi giovani che si drogano di droga alcool e altro sono dei deboli educati in modo permissivo o abbandonati al loro destino senza ideali progetti o motivi di vita a cui attaccarsi e dare un significato alla loro vita. Sono tanti ma per fortuna tanti sono anche quelli che reagiscono nonostante tutto positivamente e vanno avanti ma dobbiamo fare qualcosa di più.

QUICKMAP