Napoli, nuove linee tram tra centro e zona Est: sprint per migliorare collegamenti

Diversi milioni di euro tra Pnrr e altri finanziamenti

I tram
I tram
di Alessandro Bottone
Venerdì 17 Maggio 2024, 20:02 - Ultimo agg. 18 Maggio, 09:17
3 Minuti di Lettura

Sprint per migliorare la mobilità dal centro di Napoli ai quartieri della zona orientale attraverso il tram. Il Comune ha previsto la costruzione di una nuova linea tra San Giovanni a Teduccio a piazza Sannazzaro e l'estensione di quella già esistente in via della Stadera. Essenziali le risorse del Pnrr che, insieme ad altri fondi, consentono la progettazione degli interventi e l'apertura dei cantieri.

Il nuovo collegamento tra l'ex quartiere industriale di Napoli Est e Chiaia prevede la ricostruzione dei binari e della rete aerea elettrificata attraverso 19,5 milioni tra Pnrr e Foi, Fondo Opere Indifferibili. Ci sarà un unico tracciato che collegherà San Giovanni fino a Mergellina. Si lavora alla fase di progettazione - per la quale gli uffici di Palazzo San Giacomo hanno individuato 405mila euro - cui seguirà quella per i lavori che dovrebbero durare dodici mesi.

A Napoli Est è previsto anche il completamento del tracciato tranviario tra via della Stadera e il deposito di via Delle Puglie - siamo al confine tra i quartieri Poggioreale e Ponticelli - cui si aggiunge la realizzazione di una nuova officina. L'intervento - da 16,5 milioni tra Pnrr e Fsc, con progetto esecutivo già consegnato al Comune - prevede il prolungamento della linea fino al deposito automobilistico, per circa 800 metri, con la realizzazione del doppio binario.

Si mira, da un lato, a decongestionare il traffico e, dall'altro, a contribuire al risanamento ambientale di un angolo della città: è prevista, infatti, la risistemazione dell’intero tratto di strada con la riconfigurazione dei marciapiedi, la razionalizzazione degli impianti e la riqualificazione dei sottoservizi. L'officina da realizzare, utile per la manutenzione dei tram Sirio e dei Ctk, avrà a disposizione la piattaforma per l'inversione di marcia.

Nei prossimi mesi, dunque, i tram saranno fondamentali per servire migliaia di persone della zona orientale, e non soltanto, in modo veloce e più sostenibile. Si immagina una vera e propria svolta grazie alla possibilità di connettere diverse linee di trasporto pubblico locale - come metropolitana, Vesuviana, il futuro Brt e mezzi su gomma - per offrire agli utenti più occasioni di spostamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA