Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Poste Italiane, a Scampia con il progetto «Role Model» promuove la parità di genere

Mercoledì 15 Giugno 2022
Poste Italiane, a Scampia con il progetto «Role Model» promuove la parità di genere

Nell’ambito dell’impegno del Gruppo sulla Diversity & Inclusion, il piano volto a promuovere la parità di genere, Poste Italiane arriva nelle scuole medie e superiori di tutta Italia, in collaborazione con il Consorzio Elis, coinvolgendo le proprie dipendenti come «Role Model» - modelli positivi cui ispirarsi - per portare la loro testimonianza professionale. L’obiettivo è quello di fornire soprattutto alle ragazze modelli ed esempi che possano aiutarle a guardarsi dentro e a seguire le proprie aspirazioni, libere dai condizionamenti, dalle aspettative sociali e dagli stereotipi di genere. Federica D’Amico è una delle testimonial aziendali che ricoprono ruoli tecnici nei cosiddetti ambiti Stem (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e che si sono messe in gioco per andare oltre il proprio lavoro.

È stata lei a portare la sua esperienza ai giovani dell’Istituto Tecnico Industriale Ferraris di Scampia, raccontando il suo percorso personale e professionale, per parlare soprattutto alle ragazze e incoraggiarle a seguire le proprie passioni. Federica si occupa di automazione in Pcl (Posta, Comunicazione e Logistica), dove approda nel 2005 con una laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni e un master in Navigazione e Comunicazione Satellitare.

Ogni giorno ha a che fare con gli impianti di smistamento postale, dunque il suo ufficio sono i centri di smistamento, la fabbrica della logistica. «È vero – conferma – le donne che come me operano in questo ambito non sono tante, anche se da alcuni anni la presenza femminile è in aumento». La passione per la matematica Federica ce l’aveva sin da piccola, e di questo deve ringraziare la sua professoressa delle medie. «È lei che mi ha entusiasmato e ispirato. Forse è stata lei la mia role model».

E sull’esperienza con le scuole Federica ammette: «Sono stati in particolare i ragazzi a fare domande sul percorso di studi in ingegneria, mentre le ragazze si sono mostrate più remissive. Durante il racconto della mia esperienza, molti erano sorpresi: credo che non si aspettassero che in Poste potessero esserci mestieri così innovativi. Questi progetti, che portano ai ragazzi un contributo di consapevolezza e di fiducia, ci aiutano al tempo stesso a trasferire l’immagine della nostra azienda, una realtà fortemente innovativa e con un alto contenuto tecnologico: grazie alle competenze e alle infrastrutture digitali, ormai quasi tutte le operazioni si possono svolgere da remoto». Il progetto è in continua evoluzione, e dopo la prima tappa di Scampia ne sono attese altre in diversi istituti scolastici napoletani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA