Napoli, rientro tra i cantieri: bollino nero in via Acton e alla stazione

Lunedì 2 Settembre 2019 di Gennaro Di Biase
Quartiere che vai, cantiere che trovi. Gli automobilisti di nuovo in città si troveranno davanti a zone interdette e transennate. I cantieri, infatti, vanno dal Vomero a Chiaia, da Fuorigrotta a San Giovanni, da via Acton a San Giovanni a Carbonara, da piazza Garibaldi alla Riviera di Chiaia, dal Plebiscito a piazza Leonardo. Restyling stradali, lavori Unesco, Linea 6, fibra ottica, riparazioni, rinnovamenti e spostamenti dei sottoservizi: la Napoli del settembre 2019 è una città di cantieri in progress.
 
Le due situazioni più delicate, in zona Chiaia, riguardano il cantiere in via Acton e quelli della Linea 6 alla Riviera. «La viabilità vivrà una fase complicata all'ingresso del Molo Beverello dice Francesco de Giovanni, presidente della I Municipalità La situazione lì è drammatica: la fila di automobili partirà dall'autostrada. Di via Acton se ne occupa il Comune. In ogni caso, si tratta di un intervento di sostituzione dei sottoservizi, come ci ha riferito Palazzo San Giacomo. Quanto agli scavi di Riviera di Chiaia, pur essendo stato ristretta la carreggiata, la corsia preferenziale è stata riaperta già ad agosto consentendo così agli autobus che facevano un giro fino a piazza Sannazaro di non prolungare il percorso. Resta il nodo della rotonda di piazza della Repubblica ancora con i lavori in corso. Di sicuro, qui, ci sarà da intervenire sui marciapiedi per portarli a livello dell'asfalto. Restando sempre nel primo parlamentino, a parte il recente spicconamento di un civico Regionale e privato in via Morelli, altri cantieri, sempre della Linea 6, svettano da anni a Monte di Dio e Mergellina, cui si è aggiunto quello del Plebiscito.

Tra la stazione e via San Giovanni in Carbonara gli operai non si contano. E non mancano neppure i restringimenti di carreggiata, tra Porta Capuana e piazza Garibaldi. Nel primo caso si parla dei lavori Unesco ripresi il 28 agosto. Nel secondo caso si tratta del restyling totale della piazza (carreggiate annesse). Traffico in difficoltà, qui, anche in certi giorni di agosto. «L'imminente apertura del cantiere di corso Vittorio Emanuele dice il presidente della II Municipalità, Francesco Chirico mi fa suggerire che si potrebbe cambiare il senso di marcia tra piazza Mazzini e via Imbriani. La nostra idea è quella di istituire un senso unico a scendere per spingere i flussi in salita dal Museo lungo via Imbriani. Quelli che arrivano da Corso Vittorio Emanuele continuerebbero a salire da Salvator Rosa. Questa soluzione permetterebbe di eliminare un semaforo a piazza Mazzini e velocizzare il traffico se andrà in difficoltà».

Piazza Leonardo, eterno cantiere. A parte quello al momento ristretto e in stand by dei box auto, come spiega il presidente della V Municipalità, Paolo De Luca, ci sono i lavori Enel: «Per un rinnovamento dei sottoservizi successivo anche al blackout dei mesi scorsi sta risalendo verso via Suarez e poi verso via Pietro Castellino. Un intervento complesso, che durerà almeno un paio di mesi. Abbiamo poi cantieri della fibra ottica nella parte alta del Vomero: in via Morghen e in via Kerbaker, e lavori in corso al Ponte di via Pigna: dopo la messa in sicurezza, gli operai lì si stanno occupando della manutenzione». Per finire: gran parte del lungo marciapiede di via Terracina, a Fuorigrotta, è occupata da attrezzature, operai e transenne. Ultimo aggiornamento: 13:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA