Napoli, grandi pulizie nella biblioteca comunale di Ponticelli: via rovi e rifiuti

Napoli, grandi pulizie nella biblioteca comunale di Ponticelli: via rovi e rifiuti
di Alessandro Bottone
Lunedì 25 Luglio 2022, 16:39
3 Minuti di Lettura

Si rimuove il verde infestante dalla biblioteca comunale di Ponticelli. A tre giorni dalla denuncia pubblica de Il Mattino sulle condizioni di degrado del cortile del bene pubblico nella periferia orientale di Napoli alcuni operai intervengono per assicurare decoro e sicurezza a coloro che frequentano la biblioteca Deledda riaperta soltanto da alcuni giorni.

In particolare, l'intervento di pulizia è stato richiesto dalla Municipalità 6 del Comune di Napoli (Barra, Ponticelli, San Giovanni a Teduccio) - che gestisce il bene nel centro storico di Napoli Est - alla cooperativa sociale 25 giugno. I lavori, iniziati stamattina, proseguiranno per qualche giorno così da rimuovere l'erba cresciuta rigogliosa e il verde infestante a ridosso di tavoli e sedute installate recentemente nella struttura di vico Santillo grazie a un progetto di rigenerazione portato avanti da associazioni e Comune di Napoli. Si libera anche lo spazio prossimo alle scale di emergenza esterne e si pulisce il verde lungo il muro di confine con la scuola materna comunale. 

Non mancano le difficoltà. Come evidenziato proprio nell'articolo dell'altro giorno, infatti, i due cancelli che collegano il cortile della biblioteca comunale all'adiacente parco comunale Sergio De Simone sono danneggiati e inutilizzabili. Uno risulta chiuso da anni e dissestato mentre l'altro è stato vandalizzato nei mesi scorsi. Una situazione che ostacola il lavoro della cooperativa che si occuperà non soltanto del decespugliamento ma anche del successivo prelievo del materiale accumulato tra cui pezzi di legno abbandonati nel verde da tempo. Una operazione che risulta particolarmente faticosa senza un immediato accesso ai mezzi sui quali caricare i rifiuti: per tale motivo gli operai hanni sollecitato l'intervento di un fabbro che possa sbloccare gli accessi. 

 

Intanto si attendono i lavori per ripristinare l'accesso al primo piano dell'edificio che resta interdetto a causa delle pesanti infiltrazioni di acqua piovana nella copertura e dei relativi danni. Per ora studenti e residenti hanno a disposizione gli spazi al piano terra tra cui il cortile per il quale si lavora in queste ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA